Skip to content

Influenza degli steroidi sessuali sull'espressione del gioco: un modello animale

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Panelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica e di Comunità
  Relatore: Laura Beani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Lo sviluppo sessuale è un processo graduale che termina alla pubertà, quando i circuiti neurali alla base del comportamento vengono completati. Gli steroidi sessuali endogeni sono cruciali in questa fase in quanto determinano il completo sviluppo dei comportamenti sessualmente dimorfici quali il comportamento sociale e sessuale. In particolare è determinante il ruolo dell’estradiolo, ormone estrogeno che nel maschio viene prodotto nel SNC dall’enzima aromatasi partendo dal testosterone gondadico (processo di ‘aromatizzazione’).
In questo studio abbiamo ipotizzato che il blocco del processo di aromatizzazione durante il periodo prepuberale possa ancora modificare l’espressione del gioco e del comportamento sessuale. Abbiamo trattato ratti maschi giovani con un potente inibitore dell’aromatasi, l'anastrozolo. Gli animali sono stati divisi in tre gruppi: uno ha ricevuto anastrozolo; un secondo ha ricevuto anastrozolo e estradiolo per rimpiazzare quello endogeno, la cui produzione veniva bloccata dall’anastrozolo; il terzo gruppo era di controllo. Il trattamento è avvenuto all’inizio dell’età puberale dal giorno 23 dopo la nascita fino al giorno 32, secondo i seguenti dosaggi: anastrozolo: 50 μg/giorno/animale (per via orale); 17βestradiolo: 3,5 μg/giorno/animale (mediante pellets s.c. a rilascio controllato).
Gli animali trattati sono stati sottoposti al test del gioco in età puberale (giorno 45) e al test sessuale in età adulta, per analizzare così possibili effetti a breve e a lungo termine. Sono stati inoltre misurati i valori plasmatici di testosterone e sono state pesate le gonadi.
L’analisi dei dati sperimentali ha rivelato importanti differenze nel comportamento di gioco tra i diversi gruppi; in particolare aumentano le componenti del gioco sociale nei ratti trattati solo con anastrozolo rispetto ai controlli. Anche il peso delle gonadi in età puberale è stato modificato dal trattamento così come i valori di testosterone.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Al gioco partecipa qualcosa che oltrepassa l'immediato istinto a mantenere la vita e che mette un senso nell'azione del giocare. Ogni gioco significa qualche cosa. J. Huizinga, Homo ludens, 1938 Per quanto, affidandosi al senso comune, sia abbastanza semplice e condiviso riconoscere quando una attività sia o meno ludica, sembra già più difficile dare una definizione esaustiva di `gioco', per non parlare poi di quanto sia controverso il tema del `perché' uomini ed animali di ogni parte del mondo e di ogni epoca giochino. Un gattino che gioca con un filo di lana, un ragazzino che gioca a calcio, Kasparov che gioca a scacchi in una finale mondiale, due puledri che si rincorrono, tutto ciò è in qualche modo `gioco'. Il perché si giochi è palese osservando le movenze e i volti di chi gioca: perché è divertente, perché se ne trae piacere, gioia, diletto. Si gioca perché giocare ci appaga, evidentemente. Certo è che il calcio muove tifoserie appassionate da centinaia di chilometri, giocatori d'azzardo incalliti si rovinano per continuare a giocare, cuccioli che giocano si espongono pericolosamente ai predatori, l'Assemblea Generale O.N.U. (1989) cita il gioco fra i diritti fondamentali dell'infanzia; il tutto per un'attività `inutile', futile, leziosa. Che ci sia anche qualcos'altro?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anastrozolo
androgeni
aromatasi
differenziamento sessuale
estradiolo
estrogeni
gioco
play fighting
ratto
testosterone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi