Skip to content

Disagio mentale e violenza strutturale in Mozambico: il caso dei quartieri peri-urbani di Maputo

Informazioni tesi

  Autore: Mina Ubbiali
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze per la cooperazione allo sviluppo
  Relatore: Anna Maria Gentili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Obiettivo e ipotesi: La relazione tra condizioni di povertà assoluta e manifestazione dei disagi psichici è stato il principale oggetto di analisi di questa ricerca. L’ipotesi teorica discussa si basa sul presupposto che le strutture sociali in generale, e le locali interpretazioni di salute e malattia in particolare, hanno natura politica e sono frutto di determinanti socioeconomiche specifiche di un particolare contesto storico. Questo approccio evidenzia come, in Mozambico, il maggior rischio di esposizione a malattie da parte di alcuni strati della popolazione sia riconducibile alla instabilità economica e a contesti politici di ingiustizia sociale. Vedere quindi la sofferenza mentale come uno dei frutti della povertà, creata e definita dalle scelte economiche e politiche nazionali che si inscrivono in interventi e strategie internazionali, aiuta ad individuare i contemporanei meccanismi sociali dell’oppressione. Il problema da affrontare è stato infatti: come vengono incorporate le forze della violenza strutturale nell’esperienza individuale? In che termini il sottosviluppo influisce sul manifestarsi di un disagio e sui relativi percorsi terapeutici? Le politiche atte a sanare o a contenere il disagio diffuso sono vere strategie di cambiamento o solo tecniche per consolidare lo status quo?
Metodologia: La ricerca sul campo si è svolta fra il 18 Ottobre 2007 e l’ 11 Gennaio 2008 in alcuni quartieri periferici della capitale mozambicana, Maputo. Il lavoro ha seguito tre fasi principali. La prima è stata dedicata agli studi di area esploranti la cultura delle popolazioni mozambicane, le scelte di politica economica affrontate dal governo negli ultimi decenni, le caratteristiche del servizio sanitario nazionale. Sono seguite diverse attività svolte nei quartieri peri-urbani di Maputo, che hanno dato la possibilità di ottenere una visione più chiara e completa della realtà: interviste semistrutturate alla popolazione, ai malati, agli attori sanitari, a rappresentanti di associazioni e ONGs. La terza fase è stata l’analisi dei dati epidemiologici e i contenuti della letteratura internazionale che vede la povertà materiale come alto fattore di rischio per lo sviluppo di malattie mentali e come fattore prognostico per l’esito delle malattie stesse.
Risultati e conclusioni: La povertà, definita come fenomeno sociale multidimensionale, è la chiave di volta per spiegare sia l’origine dell’instabilità psicologica della parte più debole della popolazione, sia la fragilità della struttura istituzionale o informale di salvaguardia della disabilità. Nelle interviste ho potuto individuare due modalità di affrontare il fenomeno: da un lato si può notare come la malattia e la cura siano elementi umani strettamente legati al sistema affettivo individuale, dall’altro lato si intuisce come l’esperienza della malattia abbia origini socio-economiche. Superando i modelli biomedici e cercando di andare oltre lo stereotipo che vede le società rurali come libere da elementi di rischio psichico e la società post-moderna come inevitabilmente connessa al dramma interiore, i risultati della ricerca focalizzano l’attenzione sul principale fattore di protezione: il supporto sociale, specificatamente inteso come sereno ambiente affettivo e sociale inserito in uno sviluppato sistema pubblico di assistenza e tutela dei diritti. In Mozambico la povertà alimenta la manifestazione di patologie mentali e, distruggendo la capacità sociale di interventi di sostegno e assistenza, compromettono un libero percorso di guarigione. L’ipotesi teorica è avvallata dalle esperienze di malattia e di povertà raccolte sul campo: la sofferenza deriva da rapporti interpersonali di varia natura messi a rischio dal sottosviluppo, dettato silentemente da politiche economiche e sociali di natura esogena ed endogena. Ciò che sottende ai racconti di vita esposti nell’elaborato è che le politiche economiche ed i problemi di salute mentale sono strettamente legati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE PERCHÉ LA SALUTE MENTALE Negli ultimi decenni sono stati fatti notevoli investimenti - in termini di capitali, ricerche e programmi – sui problemi della salute e dell’assistenza sanitaria nel mondo. La salute, definita nella Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, come "stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia" 1 , viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano agli individui. Questo principio assegna agli Stati e alle loro articolazioni compiti che vanno ben di là della semplice gestione di un sistema sanitario. Tutto ciò nasce dalla consapevolezza che il grado di salute di una popolazione viene definita da determinanti sociali, ambientali ed economiche. La tutela alla salute, l’accesso alle cure e la costruzione di ambienti sani dove vivere e crescere, sono indicati come condizioni necessarie allo sviluppo e alla libertà individuale. Da questi presupposti, le gravi condizioni economiche in cui versano le società dei Paesi in via si sviluppo, che influiscono in modo schiacciante sulle dinamiche sanitarie nazionali, destano allarmante preoccupazione in ambito internazionale. Basti pensare che tre degli otto Millenium Development Goals, firmati nel 2000 da tutti gli stati membri delle Nazioni Unite, sono dedicati al raggiungimento di obiettivi sanitari: ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute materna, combattere l’HIV/AIDS, la malaria e le altre malattie infettive. Tuttavia, anche se malattie infettive, pianificazione familiare e salute dei bambini hanno costituito l’obiettivo principale di programmi messi in atto dagli organismi sanitari internazionali, ampie problematiche sanitarie non hanno ricevuto l’attenzione proporzionata alla sofferenza che producono. Una di queste è la realtà delle malattie mentali. Diversi fattori spiegano il perché. Primo fra questi è che gran parte del carico della malattia mentale passa relativamente inosservato. Poiché le malattie mentali non producono un grosso aumento del tasso di mortalità, la loro presenza tra le popolazioni dei Paesi in 1 WHO, The Costitution of the World Health Organization, New York 1946. 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etnospichiatria
medicina sociale
mozambico
politiche sanitarie
povertà
salute mentale
violenza strutturale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi