Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I bambini con spina bifida: l'approccio valutativo, terapeutico e psicomotorio

I bambini con spina bifida: l'approccio valutativo, terapeutico e psicomotorio

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La spina bifida è una malformazione congenita che rientra nel gruppo dei difetti di chiusura del tubo neurale (DTN). Essi sono il risultato di anomalie precoci dello sviluppo embrionale (neurulazione), i quali costituiscono un gruppo di malattie gravi spesso incompatibili con la vita. L’incidenza di tali malformazioni in Italia è di 1 bambino affetto ogni 1500 nati. Ancora oggi, la spina bifida rappresenta una delle maggiori cause di handicap nell’infanzia. Negli ultimi anni il miglioramento delle tecniche chirurgiche, la possibilità di una diagnosi precoce in gravidanza, la migliore assistenza neonatale e un follow-up attento hanno ridotto il rischio di mortalità dei bambini con questa patologia dal 70% degli anni 50, al 5% degli anni 80. Tuttavia la spina bifida rappresenta ancora oggi una delle malformazioni congenite più complesse e per tale motivo, l’approccio alla malattia deve essere multidisciplinare coinvolgendo diversi specialisti legati da uno stretto rapporto di cooperazione. Essa è infatti al contempo una affezione congenita ed evolutiva, neurologica e ortopedica, centrale e periferica, motoria e percettiva, somatica e viscerale, organica e psicologica. Per poche altre patologie del bambino come dell’adulto, il trattamento rieducativo esige un approccio multidisciplinare integrato, non tanto per una scelta metodologica progressista, quanto per una reale necessità, stante l’incapacità del singolo professionista di riassumere in sé tutte le competenze richieste in tutte le fasce di età e per tutti i problemi del singolo paziente. È importante sottolineare come questo approccio multidisciplinare ha portato a far si che oltre il 90% dei bambini con spina bifida sopravviva, che più dell’80% abbia un quoziente intellettivo normale e che circa l’85% cammini.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Roberta Petrone Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2843 click dal 26/11/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.