Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un'analisi delle principali scelte gestionali del comune di Mussomeli, nell'ambito dell'informativa preventiva e consuntiva. Alcune problematiche sui servizi pubblici e sulle linee di riforma dell'ente locale.

Il tema specifico del presente lavoro, concerne un’analisi delle principali scelte gestionali del Comune di Mussomeli, nell’ambito dell’informativa preventiva e consuntiva, di alcune problematiche sui servizi pubblici e sulle linee di riforma dell’ente locale.

Mostra/Nascondi contenuto.
V Introduzione Il tema specifico del presente lavoro, concerne un’analisi delle principali scelte gestionali del Comune di Mussomeli, nell’ambito dell’informativa preventiva e consuntiva, di alcune problematiche sui servizi pubblici e sulle linee di riforma dell’ente locale. In particolare, si vuole tentare di indagare ed analizzare, si spera in termini sintetici e comprensibili, la ”salute” in cui versa il suddetto ente, evidenziando anche il tema\carattere dell’autonomia 1 al fine di verificare in che misura questa è realmente presente. Perche il comune di Mussomeli? Premesso che personalmente a me piace sentirmi europeo per visione di insieme, italiano per convinzione e radici storiche, siciliano per 1 Secondo “Franzoni S., (2004), pag. 70, La Corporate governance nell’ente locale, Milano, Franco Angeli s. r. l.” “(…) Il livello di autonomia nei comuni è derivato dal grado di autonomia finanziaria di cui l’ente gode, dalla capacità di autonoma definizione degli obiettivi e dalla capacità di determinazione dei propri assetti organizzativi. L’autonomia finanziaria è intesa come capacità di acquisizione di risorse attraverso le tipiche modalità delle aziende pubbliche: imposizione tributaria, definizione di tariffe per i servizi pubblici, gestione patrimoniale, ricorso all’indebitamento. L’autonomia organizzativa si realizza, quando l’ente può definire un proprio spazio organizzativo ed operativo, in grado di rispondere sia alle proprie finalità istituzionali sia alle dinamiche ambientali. (…)” Per “Zangrandi A., (1994), pag.49, Autonomia ed economicità nelle aziende pubbliche, Milano, Giuffrè.” “L’autonomia organizzativa dipende dal grado di libertà che un ente possiede nel definire gli obiettivi e nello strutturare le proprie attività, si possono così individuare i quattro campi da cui dipende questa autonomia: ξ Autonomia nella definizione del servizio; ξ Autonomia nella gestione del personale; ξ Autonomia nell’individuazione degli schemi organizzativi; ξ Autonomia dai sistemi di controllo esterno.”

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gian Peppino Di Maria Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1063 click dal 27/11/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.