Skip to content

Valutazione della suscettibilità da frana nel bacino del fiume Platani (Sicilia centro-meridionale)

Informazioni tesi

  Autore: Dario Costanzo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze geologiche
  Relatore: Edoardo Rotigliano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

L’obiettivo di questa tesi è quello di identificare ed analizzare i fattori che concorrono dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo, alla determinazione delle condizioni di stabilità dei versanti, al fine di produrre delle carte di pericolosità da frana. Tali carte verranno poi confrontate con quelle prodotte nell’ambito dei Piani di Bacino, procedendo anche ad un confronto tra le metodologie adottate ed individuando quindi gli elementi di criticità connessi con quest’ultime.
È stato dunque messo a punto un modello geostatistico della suscettibilità da frana, definito su base multivariata, combinando tra loro differenti fattori di controllo: la pendenza, l’indice topografico di umidità, la curvatura piana e la litologia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nel nostro Paese, il dissesto di natura idrogeologica è diffuso in modo capillare su vasta parte del territorio. Rientrano tra i fenomeni di dissesto idrogeologico tutti quegli eventi che determinano improvvise e significative deformazioni della superficie terrestre, alla base dei quali sono le caratteristiche geologiche dei terreni affioranti e le interazioni tra questi, la forza di gravità ed il ciclo idrologico. Il rischio idrogeologico è altresì fortemente condizionato, da un lato dall’azione dell’uomo e dalle continue modificazioni del territorio, che hanno incrementato la possibilità di accadimento dei fenomeni disastrosi, e, dall’altro, dall’aumentata presenza di beni e di persone nelle zone dove tali eventi sono probabili e si manifestano, con effetti a volte catastrofici. L’antropizzazione del territorio, il continuo disboscamento, l’apertura di cave di prestito, l’estrazione incontrollata di fluidi (acqua e gas) dal sottosuolo, la mancata manutenzione dei versanti e delle valli fluviali hanno sicuramente aggravato il dissesto evidenziando la fragilità del territorio italiano. Il diverso combinarsi di fattori geologici, morfologici e climatici dà luogo ad un’ampia varietà di fenomeni di dissesto che differiscono per tipologia, cinematismo, caratteri evolutivi e dimensioni delle aree coinvolte. Una tipologia particolare di eventi calamitosi è quella legata allo scenario dei fenomeni franosi. Infatti, in particolari condizioni geologiche, idrogeologiche e geomorfologiche, in risposta a meccanismi di innesco generalmente riconducibili a fenomeni meteo-climatici estremi, ad input sismico o all’azione antropica, possono verificarsi fenomeni di deformazione gravitativa sui versanti. Questi possono assumere varie caratteristiche sia in relazione ai volumi di roccia coinvolti, sia in funzione della tipologia e della velocità di deformazione. L’ingente numero di fenomeni franosi che sono avvenuti negli ultimi decenni in Italia e nel resto d’Europa, ha offerto un’opportunità di studio, che ha arricchito il patrimonio di conoscenze dirette su questi fenomeni, stimolando la nascita di una nuova cultura di previsione e prevenzione, imperniata sull’individuazione delle aree più suscettibili ed a rischio e sull’attuazione di interventi diretti alla riduzione dell’impatto generato dagli eventi di attivazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arcmap
arcview
curvatura
esri
frana
gis
google earth
multiparametrico
pericolosità
scorrimento
stabilità
suscettibilità
ucu
valutazione
versanti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi