Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione politica al femminile. Teoria e casi.

Tramite questo lavoro cercheremo di indagare proprio uno degli ambiti dove la parità fra i sessi non è ancora pienamente realizzata analizzando la scarsa (per molto tempo la vera assenza) presenza delle donne nelle istituzioni politiche.
Il fulcro del progetto si basa sulla possibilità di individuare un particolare stile comunicazionale delle donne, una volta che queste raggiungono gli scenari tipicamente maschili della politica, e come tale stile possa distinguersi da atteggiamenti e comportamenti tipici degli uomini in politica.
Il campo della comunicazione politica infatti è stato ancora poco “scandagliato” e analizzato secondo la variabile di genere e di conseguenza l’analisi si è basata principalmente sull’osservazione empirica di persone, ovviamente donne, “immortalate” durante discorsi, dibattiti e interazioni personali con i propri cittadini-elettori.
Cercheremo di offrire un quadro di riferimento relativamente al dibattito, scientifico e soprattutto filosofico, nato intorno alla questione delle differenze di genere. Queste, infatti, sono considerate all’origine del sistema di disuguaglianze che si è venuto a creare nel corso dei secoli e che ha dato origine allo status di inferiorità e marginalità delle donne.
Spiegheremo il motivo che ha indotto gli intellettuali, ma soprattutto le intellettuali, ad abbandonare la denominazione di “differenze di sesso” in favore di quelle “di genere”, e si fornirà un sintetico quadro relativamente alle “Gender theories” e allo sviluppo proposto da Rosi Braidotti relativamente ad una soggettività femminile contemporanea.
Verrà successivamente percorso un excursus storico dalla nascita del femminismo, delle rivendicazioni femministe e dei diritti fondamentali delle donne, fino ai giorni nostri, trattando dello loro attuali conquiste, ma anche difficoltà e asperità.
Si mostrerà la situazione delle donne nelle istituzioni politiche, evidenziando le distinzioni fra la condizione delle donne nei Paesi di matrice protestante e in quelli cattolici, per poi analizzare il caso specifico italiano a confronto con il modello più evoluto dei paesi scandinavi.
Dopo questo quadro introduttivo, analizzeremo il “corpo mediale del leader”. Il corpo del leader, infatti, da sempre terreno semiotico e pregno di significati, costituisce nell’attuale società dell’immagine e dei mass media un utilissimo strumento di comunicazione e di attrazione. Con l’avvento delle nuove tecnologie, e soprattutto della televisione, si è però passati da una deificazione del corpo alla sua dissacrazione, tramite la messa in scena di tutti i suoi aspetti e lati più quotidiani, che rendono il leader sempre più “uomo comune” e vicino a noi.
Come si differenzia poi il corpo di un leader “al maschile” da quello “al femminile”? Ci sono modi diversi di rappresentarli e di metterli in scena?
Si tratterà della comunicazione politica, di come sia nata questa disciplina e di come si sia sviluppata negli ultimi decenni, per poi individuare i differenti modi di comunicare delle donne, sia attraverso le parole, che attraverso gesti e comportamenti, quindi attraverso una comunicazione non verbale.
Infine, cercheremo di applicare quanto fino ad allora esposto a casi di donne reali, che si sono date o stanno dando battaglia per guadagnare un posto di rilievo negli scenari politici di rilievo internazionale.
Donne come Evita Perón o Margaret Thatcher nel passato o Ségolène Royal e Angela Merkel nel presente, saranno i nostri campi di indagine per arrivare a definire una i tratti di una “comunicazione politica al femminile”.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 3 - Introduzione Nel terzo millennio, di fronte agli incontestabili miglioramenti delle condizioni di vita delle donne, si tende a considerare ormai raggiunta la parità e l’uguaglianza fra i sessi. Nonostante le numerose trasformazioni ed evoluzioni dell’attuale società, ci si può facilmente rendere conto che l’uguaglianza di fatto fra uomini e donne è ben lontana, in diversi campi, dall’essere acquisita. Tramite questo lavoro cercheremo di indagare proprio uno di questi ambiti dove la parità fra i sessi non è ancora pienamente realizzata analizzando la scarsa, e per molto tempo assente, presenza delle donne nelle istituzioni politiche. Il fulcro centrale dell’intero progetto però si basa una questione dai tratti “amletici”: ci si è infatti interrogati sulla possibilità di individuare un particolare stile comunicazionale delle donne, una volta che raggiungono gli ambiti scenari della politica, e di come questo possa distinguersi da atteggiamenti e comportamenti tipici degli uomini in politica. Il campo della neonata comunicazione politica infatti è stato ancora poco “scandagliato” e analizzato secondo la variabile di genere e di conseguenza l’analisi si è basata principalmente sull’osservazione empirica di persone, donne, “immortalate” durante discorsi, dibattiti e interazioni personali con i propri cittadini-elettori. Il testo è diviso in sette capitoli. Nel primo capitolo cercheremo di offrire un quadro di riferimento, relativamente al dibattito, scientifico e soprattutto filosofico, nato intorno

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Valentina Piperno Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5981 click dal 05/12/2008.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.