Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alcuni fatti stilizzati dei mercati finanziari e una loro modellizzazione

I mercati finanziari possono essere considerati sistemi complessi, dal momento che l'interazione fra una molteplicità di agenti, ovvero coloro che prendono parte alle trattative nel mercato determinando le fluttuazioni del prezzo, fa emergere delle leggi statistiche “macroscopiche” non deducibili dai loro comportamenti individuali “microscopici”.
L'approccio della fisica statistica si rivela particolarmente adatto per lo studio di sistemi di questo tipo: infatti essa rinuncia all'analisi del comportamento di tutti gli elementi interagenti di un sistema per ricavarne una previsione deterministica e opta per l'analisi delle proprietà complessive che emergono dalla loro interazione. Inoltre l'idea da molti condivisa che le leggi emergenti non solo possano essere diverse dalle proprietà microscopiche, ma in alcuni casi possano arrivare ad essere
addirittura indipendenti da esse, giustificherebbe l'utilizzo del metodo della fisica nella descrizione di fenomeni sociali, biologici o economici, la cui complessità dipende dall'interazione di elementi di natura ben diversa da quella degli elementi microscopici che costituiscono i fenomeni fisici.
Nella prima parte di questa dissertazione (capitoli 1, 2, 3) vengono descritte le più importanti proprietà emergenti di questi sistemi, dette fatti stilizzati, ovvero le proprietà statistiche riscontrabili in qualunque mercato finanziario.
Per comprendere l'origine e l'auto-organizzazione dei fatti stilizzati risulta conveniente costruire un modello basato su meccanismi elementari in grado di riprodurli. In esso i vari agenti sono caratterizzati da un certo tipo di comportamento (variabile o costante nel tempo, ottimista o pessimista, etc...) che regola le loro interazioni. E' interessante osservare come da tali interazioni scaturiscano delle proprietà non contenute nei comportamenti individuali: ciò prova
inequivocabilmente la loro natura “emergente”. Di questo approccio e della descrizione di uno dei tanti modelli ad agenti ci si occupa nel quarto capitolo.

Mostra/Nascondi contenuto.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Lorenzo Taggi Contatta »

Composta da 26 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1348 click dal 05/12/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.