Skip to content

Market Abuse: abuso di informazioni privilegiate e manipolazione del mercato

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Lampis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Dionigi Scano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

Il presente lavoro ha lo scopo di approfondire la tematica degli abusi di mercato: insider trading e aggiotaggio, partendo dalle radici storiche e geografiche, ma soffermandoci soprattutto sulle recenti Direttive a livello comunitario e interno.

L'importanza della direttiva 2003/06/CEE sugli abusi di mercato discende, anzitutto, dal fatto che l'adozione di efficaci misure di contrasto contro questi abusi costituisce un presupposto fondamentale, come più volte sottolineato dalle istituzioni europee, per garantire la trasparenza dei mercati e, quindi, per recuperare la fiducia dei risparmiatori scossa, nel nostro come in altri Paesi, dai numerosi scandali finanziari degli ultimi anni e degli ultimi mesi.
L'adozione della Direttiva rappresenta la prima misura di attuazione del Piano d'azione elaborato dalla Commissione sin dall'11 maggio 1999, con la comunicazione intitolata "Messa in atto del quadro di azione per i servizi finanziari: piano d'azione".
In occasione del Consiglio europeo di Lisbona dell'aprile 2000, i Capi di Stato e di governo hanno espresso l'auspicio che il piano d'azione, il quale evidenzia l'esigenza di elaborare una direttiva contro la manipolazione del mercato, venga realizzato entro il 2005.
Nella successiva riunione del 17 luglio 2000, il Consiglio ha istituito un comitato di saggi per la regolamentazione dei mercati europei dei valori mobiliari.
Nella relazione finale il comitato ha proposto l'introduzione di nuove tecniche legislative basate su un approccio articolato su quattro livelli: principi-quadro, misure di attuazione, cooperazione e vigilanza sul rispetto delle norme.
Con la risoluzione del marzo 2001, il Consiglio europeo, dal canto suo, ha approvato la relazione finale del comitato dei saggi e la proposta dell'approccio articolato sui quattro livelli, per accrescere l'efficienza e la trasparenza del processo legislativo di adozione della normativa comunitaria in materia di valori mobiliari.
Anche il Parlamento europeo (risoluzione del 5 febbraio 2002) ha approvato la relazione del comitato dei saggi. Dati i cambiamenti intervenuti sui mercati finanziari e nella normativa comunitaria, successivamente all'adozione della direttiva 89/592/CEE del Consiglio (del 13 novembre 1989), sul coordinamento delle normative concernenti le operazioni effettuate da persone in possesso di informazioni privilegiate (insider trading), è stato ritenuto necessario procedere alla sostituzione della predetta direttiva, al fine di assicurarne la coerenza con la legislazione contro la manipolazione del mercato .
Infatti, prima di questa direttiva, e di quella precedente ancora (89/592/CEE del Consiglio) , a livello Comunitario, il problema veniva affrontato da altri Paesi, con altre leggi e direttive, quasi esclusivamente relativamente all’insider trading.
Nella maggior parte dei casi la legislazione è stata adottata dopo il 1990. Prima di questa data si registrano le iniziative isolate di Canada, Francia e Svezia, che hanno seguito a circa trent’anni di distanza l’esempio degli Stati Uniti, dove il divieto di insider trading era stato introdotto nel 1933 nell’ambito dell’ondata regolatoria della stagione del New Deal. Nei restanti ordinamenti, l’uso di informazioni privilegiate diviene illegale, in media, nel 1989 .
Quindi la prima regolamentazione del fenomeno è stata quella americana con il Securities Act del 1933 e con il Securities Exchange Act del 1934.
Se si passa a considerare la situazione in Italia occorre subito premettere che i temi dell’insider trading e dell’aggiotaggio si inseriscono in un più ampio ambito, quello dell’ “informazione societaria”, cioè gli obblighi di comunicazione in via continuativa al pubblico e alla Consob delle informazioni privilegiate, documenti e notizie, da parte degli emittenti quotati e dei soggetti che li controllano, relativamente alle informazioni ad essi stessi direttamente inerenti. Tutta la materia è volta a garantire il buon funzionamento del mercato mobiliare, giacchè è proprio sulla base delle informazioni disponibili che gli investitori basano le proprie decisioni, ed orientano i propri comportamenti. Attualmente la materia viene interamente regolata dal Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria o TUF, emanato con decreto legislativo del 24 febbraio 1998 n. 58, dove la parte IV titolo III, è dedicata all’informazione societaria, mentre la parte V titolo I-bis, è dedicata all’abuso di informazioni privilegiate e manipolazione del mercato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. INTRODUZIONE Il presente lavoro ha lo scopo di approfondire la tematica degli abusi di mercato: insider trading e aggiotaggio, partendo dalle radici stori- che e geografiche, ma soffermandoci soprattutto sulle recenti Diretti- ve a livello comunitario e interno. L'importanza della direttiva 2003/06/CEE 1 sugli abusi di mercato di- scende, anzitutto, dal fatto che l'adozione di efficaci misure di contra- sto contro questi abusi costituisce un presupposto fondamentale, co- me più volte sottolineato dalle istituzioni europee, per garantire la trasparenza dei mercati e, quindi, per recuperare la fiducia dei ri- sparmiatori scossa, nel nostro come in altri Paesi, dai numerosi scan- dali finanziari degli ultimi anni e degli ultimi mesi. L'adozione della Direttiva rappresenta la prima misura di attuazione del Piano d'azione elaborato dalla Commissione sin dall'11 maggio 1999, con la comunicazione intitolata "Messa in atto del quadro di a- zione per i servizi finanziari: piano d'azione". In occasione del Consiglio europeo di Lisbona dell'aprile 2000, i Capi di Stato e di governo hanno espresso l'auspicio che il piano d'azione, il quale evidenzia l'esigenza di elaborare una direttiva contro la mani- polazione del mercato, venga realizzato entro il 2005. Nella successiva riunione del 17 luglio 2000, il Consiglio ha istituito un comitato di saggi per la regolamentazione dei mercati europei dei va- lori mobiliari. Nella relazione finale il comitato ha proposto l'introduzione di nuove tecniche legislative basate su un approccio articolato su quattro livel- li: principi-quadro, misure di attuazione, cooperazione e vigilanza sul rispetto delle norme. Con la risoluzione del marzo 2001, il Consiglio europeo, dal canto suo, ha approvato la relazione finale del comitato dei saggi e la pro- posta dell'approccio articolato sui quattro livelli, per accrescere l'effi- cienza e la trasparenza del processo legislativo di adozione della nor- mativa comunitaria in materia di valori mobiliari. Anche il Parlamento europeo (risoluzione del 5 febbraio 2002) ha ap- provato la relazione del comitato dei saggi. Dati i cambiamenti inter- venuti sui mercati finanziari e nella normativa comunitaria, successi- vamente all'adozione della direttiva 89/592/CEE del Consiglio (del 13 novembre 1989), sul coordinamento delle normative concernenti le 1 Così si esprime il progetto di legge n. 4543, XIV legislatura, (disponibile nel sito www.CAMERA.it).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aggiotaggio
informazioni privilegiate
insider trading
manipolazione del mercato
tuf

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi