Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rigenerazione produttiva: riqualificazione fluviale e riconversione di aree industriali dismesse.

La tesi individua nei bacini fluviali delle zone strategiche per il potenziamento e la valorizzazione delle relazioni tra i diversi sistemi di risorse colline- città- mare. Ci siamo proposti di individuare un nuovo sistema insediativo e di servizi ,legati anche al turismo, che sviluppandosi in futuro non comprometta nuovamente la connessione tra questi elementi e che anzi contribuisca a fortificare questo legame.
In particolare ci siamo occupati della riconversione di capannoni industriali di ultima generazione, dismessi a causa della delocalizzazione della produzione,pronti ad ospitare nuove "forme produttive". Così,attraverso un modulo compositivo flessibile ed il sistema costruttivo cold formed steel,economico,veloce,versatile e reversibile, abbiamo sviluppato un ipotesi progettuale. Abbiamo quindi sfruttato e reinterpretato la composizione modulare dei capannoni industriali limitantandone la dismissione degli elementi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 L’idea della tesi nasce dall’osservazione del sistema “costa adriatica” . Ne emerge un quadro fortemente frammentato, dove la città costiera risulta costretta all’interno del sistema di infrastrutture che segnano il territorio (ferrovia, Strada statale 16, autostrada, ecc) dividendola in “strisce” in direzione nord-sud, e che la isolano dalla fascia collinare, ricca di potenzialità e di attrattiva. Attraverso gli studi condotti dall’ente regione e assumendo le indicazioni e le prescrizioni degli strumenti di pianificazione quali P.I.T. (piano di inquadramento territoriale) P.A.I. (piano assetto idrogeologico) P.R.G.(piano regolatore generale) ,abbiamo individuato e sintetizzato le azioni progettuali mirate ad una politica di valorizzazione delle risorse locali che perseguono lo sviluppo economico e sociale attraverso la qualificazione dei servizi, di interesse urbano e territoriale, del turismo e delle attività connesse. L’obiettivo della tesi è dunque quello di valorizzare le relazioni tra i diversi sistemi di risorse colline- città- mare e di individuare un nuovo sistema insediativo e di servizi ,legati anche al turismo, che sviluppandosi in futuro non comprometta nuovamente la connessione tra questi elementi e che anzi contribuisca a fortificare questo legame. Gli elementi della morfologia del territorio, capaci di integrare le diverse parti della città e di assumere un ruolo di struttura del progetto urbano, sono individuati nei fiumi e torrenti che dalle colline scendono al mare, degli assi cioè che permettono di percepire con forza il rapporto colline–città–mare . I fiumi sono sempre stati i bacini produttivi delle vallate circostanti ed infatti, tengono insieme e sostentano diversi sistemi insediativi, residenziali e produttivi; ciononostante vengono ancora identificati per la loro valenza naturalistica che sebbene compromessa in alcuni casi, continua ad essere una risorsa unica.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Architettura

Autore: Federica Ferri Contatta »

Composta da 31 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3536 click dal 23/12/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile solo in CD-ROM.