Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Detonatori elettronici: analisi delle prestazioni per l’innesco di esplosivi civili

Lo scritto esamina l’evoluzione dei sistemi d’innesco, soffermandosi approfonditamente sulla descrizione di quelli elettronici, che rappresentano il sistema più recente e più all’avanguardia. Se ne descrivono le caratteristiche, evidenziandone pregi e difetti. Da sempre, l’obiettivo dei lavori di scavo con esplosivo è quello di ottenere uno scavo che rispecchi il più possibile le condizioni di progetto; per questo le nuove tecnologie sono volte sempre più nel miglioramento della precisione della volata, che è ovviamente condizionata anche da quella della perforazione. Da questo punto di vista, i sistemi elettronici consentono di ottenere ottimi risultati. Essi rappresentano una grande innovazione, in quanto consentono di programmare a piacere il tempo di ritardo dei detonatori, operazione che può essere eseguita più volte sullo stesso detonatore, adattandolo ad ogni esigenza. La flessibilità di questi sistemi rappresenta un grosso vantaggio; tuttavia non vi è stata una rapida diffusione della nuova tecnologia, in quanto la gran parte delle imprese viene a domandarsi se sia economicamente vantaggioso intraprendere uno scavo con sistema elettronico, considerando il suo costo considerevole.
I miglioramenti sono visibili nella frammentazione dell’abbattuto e nella riduzione delle vibrazioni, con conseguente maggiore velocità di sgombero, migliore rifinitura dello scavo, minore impatto ambientale. Sono riportati alcuni esempi di casi-studio, evidenziando le prestazioni dei detonatori in sotterraneo e a cielo aperto. Una sezione apposita è dedicata alla sicurezza, che, data l’innovazione della tecnologia, rappresenta un argomento nuovo e delicato. Infatti, anche se i sistemi più recenti garantiscono un alto standard di sicurezza, deve essere concepito un nuovo approccio al problema da parte degli operatori che, quindi, devono essere adeguatamente formati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Prefazione Lo scritto esamina l’evoluzione dei sistemi d’innesco, soffermandosi approfonditamente sulla descrizione di quelli elettronici, che rappresentano il sistema più recente e più all’avanguardia. Se ne descrivono le caratteristiche, evidenziandone pregi e difetti. Da sempre, l’obiettivo dei lavori di scavo con esplosivo è quello di ottenere uno scavo che rispecchi il più possibile le condizioni di progetto; per questo le nuove tecnologie sono volte sempre più nel miglioramento della precisione della volata, che è ovviamente condizionata anche da quella della perforazione. Da questo punto di vista, i sistemi elettronici consentono di ottenere ottimi risultati. Essi rappresentano una grande innovazione, in quanto consentono di programmare a piacere il tempo di ritardo dei detonatori, operazione che può essere eseguita più volte sullo stesso detonatore, adattandolo ad ogni esigenza. La flessibilità di questi sistemi rappresenta un grosso vantaggio; tuttavia non vi è stata una rapida diffusione della nuova tecnologia, in quanto la gran parte delle imprese viene a domandarsi se sia economicamente vantaggioso intraprendere uno scavo con sistema elettronico, considerando il suo costo considerevole. I miglioramenti sono visibili nella frammentazione dell’abbattuto e nella riduzione delle vibrazioni, con conseguente maggiore velocità di sgombero, migliore rifinitura dello scavo, minore impatto ambientale. Sono riportati alcuni esempi di casi-studio, evidenziando le prestazioni dei detonatori in sotterraneo e a cielo aperto. Una sezione apposita è dedicata alla sicurezza, che, data l’innovazione della tecnologia, rappresenta un argomento nuovo e delicato. Infatti, anche se i sistemi più recenti garantiscono un alto standard di sicurezza, deve essere concepito un nuovo approccio al problema da parte degli operatori che, quindi, devono essere adeguatamente formati.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabrizio Brusco Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1263 click dal 17/12/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.