Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La maturità di Tomaso da Modena

La maturità di Tomaso da Modena.
Analisi dell’attività matura del pittore modenese in relazione alla sua produzione giovanile e al contesto storico, artistico e culturale del XIV secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
La maturità di Tomaso da Modena Introduzione I ™ Introduzione ™ 'attività matura di Tomaso Barisini da Modena ha costituito l'argomento fondamentale di questo studio il quale, fin dall'inizio, non ha avuto la pretesa di essere esaustivo, ma ha tentato di gettare nuova luce su un periodo non ancora sufficientemente precisato dell'attività del Modenese. Nonostante le monografie di Zuliani e di Gibbs 1 abbiano cercato di approfondire l'analisi delle opere tarde, il resto della critica non sembra essersi interrogata a fondo sul diradarsi della produzione estrema dell'artista. Per rinnovare l'interesse nei confronti dell'ultimo Tomaso è stato opportuno mettere a confronto ogni momento della sua produzione pittorica, al fine di comprendere attraverso quali vie egli sia giunto all'ultima maniera. Nel rintracciare il filo conduttore tra la giovinezza e la maturità è stato indispensabile calare il pittore nel proprio contesto artistico-culturale, cercando di osservare quali influssi e riflessi ricevette nel corso della sua esistenza. Ampio spazio è stato dedicato alla formazione di Tomaso e ai fondamenti della sua arte; si è indagato, innanzitutto, l'apporto emiliano cercando di evidenziare i protagonisti della stagione modenese e bolognese della prima metà del Trecento. Tomaso subì l'influenza dell'opera di Vitale da Bologna, dello Pseudo-Jacopino, dell'Illustratore ed altri ancora e questa impronta emiliana fu presente nella sua opera sino alla fine. Le citazioni dai grandi maestri, personalmente reinterpretate, fecero parte del "repertorio" dell'artista, il quale seppe fondere insieme umanità ed eleganza. Nella formazione del Modenese ebbe grande importanza l'incontro con la cultura veneta della Marca Trevigiana; il trasferimento a Treviso ampliò l'orizzonte culturale del nostro pittore. La particolare atmosfera cittadina, vivace e raffinata, informò l'opera di Tomaso accentuando in essa quel senso di gioiosa vitalità. 1 F. Zuliani Tomaso da Modena, in Tomaso da Modena, catalogo a cura di L. Menegazzi, Treviso, 1979; R. Gibbs L'occhio di Tomaso. Sulla formazione di Tomaso da Modena, Treviso, 1981; R. Gibbs Tomaso da Modena, Cambridge, 1989. L

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giovanna Palumbo Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2436 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.