Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti problematici sulla tariffa per la gestione dei rifiuti nel nuovo codice ambientale

Si cercherà di capire, tra le altre cose, le variazioni rispetto alle normative precedenti, gli obiettivi raggiunti o raggiungibili con l'introduzione del sistema tariffario; vantaggi e svantaggi della tariffa.
In seguito, si analizza, da un punto di vista empirico, la determinazione della tariffa.
Nell'ultima parte si esaminano gli adempimenti dei Comuni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 3 Introduzione. Il seguente lavoro ha lo scopo di definire gli aspetti problematici sulla tariffa per la gestione dei rifiuti nel nuovo codice ambientale. Prima di analizzare le implicazioni della nuova tariffa, è utile chiarificare cosa si intende per gestione dei rifiuti. La gestione dei rifiuti è definita nel nuovo codice dell’ambiente 1 “la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni nonchè il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento dopo la chiusura”. La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione, di prevenzione, di proporzionalità, di responsabilizzazione e di cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nell’utilizzo e nel consumo di beni da cui originano i rifiuti, nel rispetto dei principi dell’ordinamento nazionale e comunitario. Essa costituisce attività di pubblico interesse, ed ha la finalità di assicurare un’elevata protezione dell’ambiente e controlli efficaci. I rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all’ambiente. La disciplina originaria in tema di smaltimento dei rifiuti solidi urbani è contenuta nell’art. 49 del D. Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, comunemente noto 1 Art. 183, comma 1, lett. d).

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Cosimo Nuzzaci Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 640 click dal 19/12/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.