Skip to content

La valuta come classe d'investimento

Informazioni tesi

  Autore: Luca Demurtas
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Barbara Alemanni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

L'insieme delle transazioni valutarie, dà vita al mercato valutario, conosciuto anche come mercato dei cambi, il quale può essere definito come il mercato in cui gli individui, le imprese e le banche comprano e vendono valute estere. È l'unico mercato finanziario che può essere considerato “perfetto”, avendo un'estensione geografica mondiale e un'operatività che copre l'intero arco della giornata. Partecipano al mercato gli utenti tradizionali, le banche commerciali, gli intermediari finanziari e le Banche centrali. Valutare la performance significa stabilire se, e in quale misura, il gestore ha creato valore. Ci si può servire, a questo scopo, dell' uso di due indicatori differenti:
·il money weigthed rate of return ( MWRR )
·il time weigthed rate of return ( TWRR )
La valuta è inequivocabilmente la più trascurata classe d’investimento in termini di ricerca di extra rendimenti. Il mercato valutario ha grandissima liquidità, più di ogni altro, presentando così un grandissimo potenziale che può essere sfruttato. Si può attuare una gestione attiva o passiva della valuta. Oggi non trascurare la valuta è diventato un obbligo per chiunque voglia aumentare i rendimenti dei propri investimenti. Siccome il rischio di cambio può essere facilmente separato dal rischio
delle altre attività attraverso l’uso di derivati, è sensato cercare un modo per
aumentare il valore del portafoglio andando a modificare il livello di
esposizione in valuta.
L'active currency management è uno scostamento volontario dal livello di esposizione strategico, effettuato con l’intento di aumentare gli alfa del portafoglio.
In un’ottica di media/varianza si possono evidenziare tre approcci: un
approccio di unione, chiamato joint, che presuppone una completa commistione di azioni, obbligazioni e valute; un approccio di parziale commistione (partial) e un approccio di totale separazione (separate).
Tre stili possibili: carry, momentum, valuation.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nelle economie primitive gli scambi di merci avvenivano tramite il baratto. A mano a mano che le economie si sviluppavano e si aprivano all'esterno fu creata una “terza merce”, uno strumento di scambio che fungesse da intermediario nei rapporti commerciali. Il progredire degli scambi e l'interdipendenza sempre più stretta tra gli Stati ha costretto poi a risolvere il problema dei pagamenti internazionali, identificando una merce o una valuta che potesse essere utilizzata come mezzo di pagamento universalmente accettato. I problemi scaturivano dal fatto che diverse autorità, nazionali e locali, rivendicavano il diritto di emettere moneta con evidenti problemi derivanti dalla pluralità e dall'affidabilità di tutti questi strumenti. Il primo sistema monetario internazionale degno di questo nome è stato quello aureo o gold standard, teorizzato da David Hume a metà del settecento e che funzionò dal 1880 al 1914. il sistema ebbe un'importante funzione di correzione degli squilibri nelle bilance dei pagamenti nazionali, ma fu messo in crisi dallo scoppio della prima guerra mondiale. Seguì, tra le due guerre, un periodo di “disordine monetario”, che contribuì non poco alla grande crisi del 1929. Nel 1944, a guerra praticamente conclusa, gli accordi di Bretton Woods formalizzarono la nascita del gold exchange standard. Nonostante gli elementi di flessibilità che caratterizzavano questo sistema, l'accordo 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

active currency management
alfa di jensen
ask
bid
carry
currency alpha program
currency hedging
currency overlay
gestione fondamentale
gestione tecnica
indice di sharpe
joint approach
mercato valutario
momentum
partial approach
separate approach
strumenti derivati
valuation
valutazione performance

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi