Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La libera circolazione dei rifiuti

la libera circolazione dei rifiuti è un tema spinoso ma estremamente attuale. La difficile interpretazione della nozione di rifiuto, la normativa vigente, le linee di sviluppo in ambito comunitario, e la proposizione di concezioni innovative di discarica rendono l'elaborato interessante e molto utile

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo I IL MERCATO UNICO DELLE MERCI: DALLA NOZIONE DI MERCE A QUELLA DI RIFIUTO Il mercato unico non trova alcuna definizione all’interno del Trattato CE, bensì all’interno di una nota sentenza della Corte di Giustizia, nella quale è sottolineato che “la nozione di mercato comune mira ad eliminare ogni intralcio per gli scambi intracomunitari al fine di fondere i mercati nazionali in un mercato unico il più possibile simile ad un vero e proprio mercato interno 1 ”. Quanto appena detto si può ottenere solo attraverso la piena fruizione, da parte dei cittadini dell’Unione, delle libertà garantite dal Trattato: libera circolazione delle persone, dei servizi, delle merci e dei capitali; in tal caso sarà possibile parlare di mercato unico, poiché solo allora non ci saranno più intralci agli scambi intracomunitari. La libera circolazione delle merci si articola in tre momenti principali: ξ unione doganale ( artt. da 23 a 27); ξ divieto di imposizioni fiscali interne di portata discriminatoria per i prodotti importati (art. 90); ξ abolizione delle restrizioni quantitative agli scambi intracomunitari e delle misure di effetto equivalente, nonché l’abolizione dei monopoli commerciali ( artt. da 28 a 31) 2 . La nozione di merce, così come definita dalla giurisprudenza comunitaria, è molto ampia; infatti “sono da considerare merci tutti i prodotti valutabili in denaro e perciò stesso idonei ad essere l’oggetto di una transazione commerciale 3 ”. 1 Sentenza della Corte del 5 maggio 1982, Schul, causa C-15/81, in Racc., 1409, punto 33. 2 TESAURO, Diritto comunitario, quarta edizione, 2004, Cedam, pag. 368. 3 Sentenza della Corte del 10 dicembre 1968, Commissione c. Italia, causa C-7/68, in Racc., 562, punto 1.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessio Fabrizi Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1233 click dal 23/12/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.