Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le interpretazioni filosofiche, etiche e politiche dell'Islam dalle origini ai giorni nostri

Il presente lavoro propone una riflessione etica, morale, filosofica e politica sulla cultura islamica, a partire da Maometto fino alle attuali interpretazioni politiche e sociali dell’Islam, passando attraverso le interpretazioni dei filosofi piu importanti della falsafa islamica fino all’ attuale idea di “islamizzazione”.
Nella prima parte sono esposti i tratti fondamentali della teologia, della storia e della religione islamica, facendo particolare attenzione alle prime interpretazioni coraniche e filosofiche a partire dal I secolo. Si evidenzia, in questa parte, la filosofia medievale islamica facendo attenzione alle teorie filosofiche di: Al –Farabi, Al-Kindi, Al-Razi, Ibn Sina, Miskawayh e Al- Dawwanai, e i forti riferimenti con la filosofia platonica e aristotelica.
Nella seconda parte si svolge, invece, un’attenta riflessione sul valore politico e sociale dell’islam a partire dal ‘600. in particolar modo si evidenzia il lato modernista e riformista del dar-al’islam facendo particolare attenzione alla contrapposizione politica tra laicismo e fondamentalismo islamico e il valore dalla jihad a partire dalla figura e dal ruolo politico dell’Imam.
La conclusione di questa seconda parte è dedicata alla distinzione tra le comunità islamiche, propriamente dette, e le comunità che invece non abbracciano totalmente la religione e la fede coranica, e ala distinzione che si fa tra il ruolo e l’utilizzo del diritto islamico nei frangenti politici e fondamentalisti.
La terza e ultima parte si propone di analizzare, a partire dall’etica della tolleranza, il pensiero musulmano moderno e il ruolo delle comunità islamiche nel mondo attuale e in particolar modo a partire dal’11 settembre 2001.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro propone una riflessione filosofica, etica, politica dell’Islam, a partire dall’analisi dei tratti fondamentali della religione islamica, passando attraverso le concezioni filosofiche e politiche di Al-Kindi, Al-Farabi, Al-Razi, fino all’interpretazione più moderna della società islamica. È analizzata in particolar modo la visione politica e sociale nel dar al-Islam e nel suo rapporto con le ideologie dell’Occidente. Nel primo capitolo sono esaminati i tratti fondamentali della teologia, della politica e della storia islamica, evidenziando come al centro della teologia e della religione islamica vi sia l’individuo e la sua responsabilità personale nell’adempimento dei doveri religiosi verso Dio. I doveri del credente consistono nell’agire bene verso Dio, verso la comunità islamica, verso la società in generale: da questo scaturisce la necessità, nell’ambito della comunità, di un ordine morale. Il rapporto tra Dio e l’uomo deriva dal patto liberamente concesso da Dio all’uomo, suo servo e schiavo, che accettando di diventare un credente, un mumin, si impegna ad attuare tutte le disposizioni etiche, religiose descritte nel Corano. Questo patto unilaterale tra Dio e l’uomo è il fulcro e il cuore dell’Islam. L’Islam, a differenza del cristianesimo, è definito, proprio per questi obblighi dell’individuo verso Dio onnipotente, la religione della giustizia, alla cui base vi è la shari’a ossia la legge divina. La comunità nella quale tutto ciò è realizzabile è il dar al-Islam, in cui prevale la fede e la legge islamica. In contrapposizione è il dar al- harb, comunità composta dai kafir ossia dagli infedeli: lo scopo del dar al -Islam è convertire gli infedeli attraverso la jihad che è un obbligo collettivo di conversione. Il secondo capitolo è centrato sulla valutazione dell’etica filosofica medievale nell’Islam dalle origini fino al 1300, con riferimento anche all’infiltrazione letteraria nella cultura islamica dei testi etici greci, tra i quali sono presi in considerazione soprattutto quelli di Platone e Aristotele. 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Filosofia

Autore: Gioele Barcellona Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1685 click dal 23/12/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.