Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Conoscenza di sè: itinerari e percorsi nella costruzione dell'identità dell'adulto professionista

Nella nostra tradizione culturale, tuttora gravata dal dualismo tra teoria e pratica, il formatore in quanto professionista pratico, è colui che da forma all'azione formativa. Ma non è solo così.
Infatti si sa che la buona pratica implica ideazione e progettazione a partire dall'esperienza vissuta, perciò un contributo soggettivo, attenzione, sia da parte del formando che del formatore, che consenta la costruzione di un sapere esperienziale.
Ogni tanto quindi il formatore dovrebbe ripercorrere la propria storia in modo riflessivo, per la ricerca e la costruzione di una stabile identità personale, e quindi professionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE: Nella nostra tradizione culturale, tuttora gravata dal dualismo fra teoria e pratica, il formatore in quanto professionista “pratico” è colui che da forma all’azione formativa. Ma non è solo così. Infatti si sa che la buona pratica implica ideazione e progettazione a partire dall’esperienza vissuta, perciò un contributo soggettivo, attenzione, sia del formando che del formatore, che consenta la costruzione di un sapere esperienziale. Questo diventa utile per il percorso dei formandi quanto per la costruzione dell’identità professionale e non solo del formatore stesso; egli infatti per conoscere i bisogni degli altri e progettare su di essi, deve innanzitutto avere ben definita la propria identità. Per l’adulto più in generale infatti, una dimensione fondamentale per la ricerca e la costruzione di una stabile identità personale è proprio quella dell’identità professionale. Questo vale anche per il formatore che, ogni tanto dovrebbe ripercorrere la propria storia in modo riflessivo, ripensando alle proprie competenze e cercando di capire come sviluppare sempre di più le proprie capacità di empatia e ascolto dell’altro. Anche il formatore apprende e cambia nell’azione stessa della pratica formativa; affinché questo avvenga al meglio, egli stesso dovrà sviluppare la capacità di conoscersi e la capacità di intendere l’apprendimento come scambio di valori.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Annalisa Viola Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2108 click dal 23/12/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.