Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione dei servizi. Il caso dei Collegi universitari

(Tesi vincitrice del Premio "Pier Daniele Melegari", edizione 2009, della Camera di Commercio di Milano)
Il lavoro parte dalla premessa che sia fondamentale inserire forme di valutazione dei servizi che la pubblica amministrazione eroga e intende esplorare alcuni aspetti della materia del diritto allo studio universitario (DSU), soffermandosi in particolare, all’interno della generalità dei servizi erogati agli studenti, sul problema abitativo, il fattore più critico su cui devono concentrarsi gli interventi delle politiche universitarie.
Lo spunto principale è costituito dal nuovo assetto del sistema di DSU della Lombardia, varato con Legge regionale 33/2004: la Regione ha delegato alle università gli interventi di sostegno agli studenti, si è ritirata dalla gestione diretta dei servizi e delle attività in questo ambito, per assumere compiti di programmazione, controllo e salvaguardia del patrimonio. Tale impianto rende necessaria la predisposizione di adeguati sistemi di rilevazione delle prestazioni degli erogatori dei servizi, che ne assicurino l’efficace funzionamento e garantiscano la soddisfazione dei bisogni degli studenti.
Un primo passo in questa direzione è costituito dall’indagine di valutazione che ha coinvolto 5 collegi universitari: si è cercato di individuare le dimensioni fondamentali del servizio, correlare la qualità delle strutture e il livello di soddisfazione percepito dagli studenti, raccogliere dati comparabili sulla situazione delle realtà analizzate e suggerire al decisore politico alcune considerazioni sull’utilizzo dei risultati, nella convinzione che gli interventi debbano essere preceduti da un adeguato supporto di dati ed informazioni.
1°cap. Dopo aver delineato caso di studio e obiettivi, viene introdotto il complesso tema della pubblica amministrazione, descrivendo il ruolo che la valutazione può rivestire nel miglioramento dei processi di decisione,.
2°cap. Dopo aver situato la problematica DSU all’interno del contesto universitario italiano e averne discusso le ragioni istituzionali, economiche e sociali, viene ricostruita l’evoluzione del quadro normativo. Il campo di indagine viene quindi circoscritto al settore dei servizi per gli studenti e alle novità introdotte in Lombardia con la Legge 33/04.
3°cap. L’attenzione è sul tema della residenzialità universitaria, l’aspetto che pesa maggiormente nel bilancio economico degli studenti, definendo gli elementi critici della questione. Inizialmente vengono fornite alcune cifre sul sistema universitario della Lombardia (offerta formativa, iscritti, idonei), che si distingue per la particolare complessità, in modo da poter comprendere maggiormente l’entità del problema abitativo. Viene quindi inserita una analisi degli aspetti principali della legge n. 338/2000, il provvedimento normativo più recente e significativo nel campo dell’edilizia residenziale universitaria, e dei risultati da essa prodotti. L’attenzione si sposta in seguito sulla ricostruzione della situazione esistente in Lombardia in materia di strutture residenziali per universitari. Vengono analizzate le condizioni degli studenti fuorisede; viene effettuata una stima dei posti letto disponibili in regione e delle tipologie di strutture attive sul territorio, con particolare attenzione per il fenomeno «di nicchia» rappresentato dai Collegi Universitari legalmente riconosciuti, istituzioni di eccellenza nell’alta formazione.
4° cap. Analizzati i concetti teorici fondamentali inerenti a soddisfazione del cliente, con i suoi limiti e rischi, e partecipazione degli utenti al processo di produzione del servizio; vi è poi una dettagliata descrizione dell’indagine svolta nei collegi universitari, incentrata sulle percezioni che gli studenti hanno dell’esperienza di servizio: motivi di interesse, schema di analisi, campione preso in esame, fasi operative, aspetti problematici. Particolare considerazione è dedicata a descrivere le fasi di costruzione degli strumenti (in particolare il questionario per gli studenti) utilizzati durante la ricerca.
5°cap. Risultati dell’indagine. La prima sezione contiene la presentazione e il commento degli esiti della sperimentazione; un tentativo di analisi muove nella direzione di stabilire le possibili dimensioni che influiscono maggiormente sulla soddisfazione. Una sezione finale è dedicata ad esaminare le possibili implicazioni che il decisore politico può trarre dall’analisi del lavoro: viene proposta l’introduzione di parametri di tipo qualitativo all’interno del sistema di ripartizione delle risorse finanziarie per i servizi residenziali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Il presente lavoro intende esplorare alcuni aspetti della materia del diritto allo studio, soffermandosi in particolare, all’interno della generalità dei servizi erogati agli studenti, sul problema abitativo, che costituisce il fattore più critico su cui devono concentrarsi gli interventi delle politiche universitarie. La ricerca si propone di offrire una valutazione integrata dell’argomento, analizzandone le singole dimensioni chiamate in causa, a partire dal contesto in cui il tema è situato. Lo spunto principale dal quale il lavoro prende le mosse è costituito dal nuovo assetto del sistema di diritto allo studio universitario della Lombardia, varato con la Legge regionale n. 33/ 2004, tramite la quale la Regio- ne ha delegato alle università gli interventi di sostegno agli studenti e si è ritirata dalla gestione diretta dei servizi e delle attività in questo ambito, per assumere compiti di programmazione, controllo e salvaguardia del patrimonio. Tale im- pianto rende necessaria la predisposizione di adeguati sistemi di rilevazione delle prestazioni degli erogatori dei servizi, che ne assicurino l’efficace funzionamento e garantiscano la soddisfazione dei bisogni degli studenti. Un primo passo in questa direzione, necessariamente iniziale e passibile di miglioramenti, è costituito dall’indagine di valutazione che ha coinvolto cin- que collegi universitari, mediante la quale si è cercato di individuare le dimen- sioni fondamentali del servizio, correlare la qualità delle strutture e il livello di soddisfazione percepito dagli studenti, raccogliere dati comparabili sulla situa- zione delle realtà analizzate e suggerire al decisore politico alcune considerazioni sull’utilizzo dei risultati, nella convinzione che gli interventi debbano essere pre- ceduti da un adeguato supporto di dati ed informazioni. Nel primo capitolo, dopo aver delineato i principali motivi di interesse del lavoro, il caso di studio e gli obiettivi, che verranno approfonditi nei due capitoli successivi, viene brevemente introdotto il complesso tema della pubblica ammi-

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Benedetto Cafferini Contatta »

Composta da 351 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 831 click dal 23/12/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.