Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le risorse idriche nel diritto internazionale con particolare riferimento alla Palestina

Il Medio Oriente è una delle regioni più aride del pianeta. L'area geografica che va dalla Turchia all'Egitto occupa infatti il 10% della superficie terrestre, ospita il 5% dell'umanità ma ha solo il 0,4% delle risorse idriche. I quattro fiumi biblici, tra cui il Nilo, più lungo del mondo non bastano ad irrigarla. Il M.O riceve solo il 2% della pioggia che cade sulla terra.
Dopo la seconda guerra mondiale il Medio Oriente si occupò di un altro problema rispetto a quello dell'acqua: sotto terra aveva scoperto in quantità notevoli il petrolio, l'oro nero. Ma oggi gli strateghi, così come i leader arabi e israeliani temono che le battaglie del futuro esploderanno per il possesso e il controllo di un altro liquido prezioso e di colore cristallino: l'acqua. La soluzione della crisi idrica di sicuro non è condizione sufficiente per la definitiva pace in questa regione ma è sicuramente indispensabile. Questa tesi concentra l'attenzione sulla complessa situazione in medio oriente, sul fatto che dopo circa 80 anni di conflitto arabo-israeliano il problema dell'acqua e delle risorse idriche torna a pesare sullo sviluppo socio-economico di questa area per il processo di pace in medio oriente iniziato a Madrid nel 1991. E' proprio questo il tema del nostro lavoro che si occupa dei problemi giuridici delle risorse idriche come radice di conflitto e fattore di sicurezza lì in Terra Santa, culla e centro di fedi, culture e civiltà diverse tra di loro.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La Bibbia narra che il Signore creò il mondo in sei giorni, e il settimo si riposò. L’ottavo , decise di regalare ad Adamo un Eden che, come ci informa la Genesi, era rigoglioso e ricco di vegetazione , incredibilmente ricco di alberi da frutta e attraversato da quattro fiumi maestosi . Due sono noti anche ai nostri giorni ,il Tigri e l’Eufrate ; i nomi degli altri , Piason e Ghicon , non risultano sulle mappe odierne ma si crede fossero il Nilo e il Giordano. Le indicazioni bibliche sono comunque sufficienti a stabilire che , volendo dare all’Uomo un paradiso terrestre , Dio , guardatosi attorno , scelse la regione oggi chiamata Medio Oriente. Forse a quell’epoca le terre bagnate dai quattro fiumi erano veramente un paradiso di fertilità e abbondanza , ma si può essere certi che se l’Onnipotente dovesse scegliere oggi , metterebbe il suo Eden da qualche altra parte. Senza contare gli odi intestini che lo dilaniano , il Medio Oriente non ha piu’ molto di paradisiaco e , soprattutto , non ha più acqua essendo una delle regioni piu’ aride del pianeta . L’area geografica che va dalla Turchia all’Egitto occupa infatti il 10 % della superficie terrestre , ospita il 5 % dell’umanità (160 milioni di persone ) , ma ha solo lo 0,4% delle risorse idriche. I quattro fiumi biblici , anche se uno di essi , il Nilo, è il più lungo del mondo, non bastano a irrigarla a sufficienza. Il Medio Oriente riceve il 2 per cento della pioggia che cade sulla terra : per l’esattezza , 576 metri cubi d’acqua l’anno per abitante , contro i 7 mila che sono la media del resto del pianeta ,e i 10 mila degli Stati Uniti, più ricchi di altri in acqua piovana. Nei decenni successivi alla II guerra mondiale , il Medio Oriente trovò un buon motivo per non affrontare il problema della scarsità d’acqua ; sotto terra aveva scoperto , in quantità notevoli , il petrolio. E per molto tempo , l’ “oro nero” è stato considerato un’inesauribile fonte di prosperità per i paesi che lo estraevano , oltre che la ragione di innumerevoli conflitti: l’Occidente , che dipende in buona misura dai pozzi mediorientali per i suoi consumi energetici , ha temuto a lungo che nel nome del petrolio sarebbe scoppiata la terza guerra mondiale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Beissan Al Qaryouti Contatta »

Composta da 280 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3977 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.