Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi tecnico-economica di un impianto di microcogenerazione con pompa di calore geotermica installato presso un complesso residenziale

La microcogenerazione distribuita come mezzo per diminuire i consumi energetici e le emissioni inquinanti. È questo il punto di partenza del presente lavoro, che ha lo scopo di quantificare tali benefici, attraverso un’analisi tecnico-economica applicata ad un caso reale e mettere in luce alcuni aspetti peculiari di questa tipologia di sistemi. Partendo da un inquadramento generale, si analizza la situazione normativo-tariffaria attuale, passando poi in rassegna le tecnologie principalmente utilizzate e in via di sviluppo evidenziandone lo stato dell’arte e finendo con un’analisi sull’impatto ambientale. Si focalizza poi l’attenzione sull’applicazione reale presa in esame composta da: due cogeneratori con assorbitore per l’assetto trigenerativo, una pompa di calore geotermica con pozzi di falda, una caldaia a condensazione ausiliaria e un accumulatore inerziale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Cap. 1 Premessa 1. PREMESSA La microcogenerazione distribuita come mezzo per diminuire i consumi energetici e le emissioni inquinanti. ¨ questo il punto di partenza del presente lavoro, che ha lo scopo di quantificare tali benefici, attraverso un analisi tecnico-economica applicata ad un caso reale e mettere in luce alcuni aspetti peculiari di questa tipologia di sistemi. Partendo da un inquadramento generale, si analizza la situazione normativo-tariffaria attuale, passando poi in rassegna le tecnologie principalmente utilizzate e in via di sviluppo evidenziandone lo stato dell arte e finendo con un analisi sull impatto ambientale. Si focalizza poi l attenzione sull applicazione reale presa in esame composta da: due cogeneratori con assorbitore per l assetto trigenerativo, una pompa di calore geotermica con pozzi di falda, una caldaia a condensazione ausiliaria e un accumulatore inerziale. L obiettivo Ł quello di ottenere previsioni sui possibili risparmi energetici, economici e ambientali conseguibili, oltre che studiare l influenza dell accumulo termico sulle prestazioni dell intero sistema e valutare la convenienza della presenza dell assorbitore. L impianto analizzato Ł in realizzazione presso un nuovo complesso residenziale nella citt di Milano (zona Bovisa), non esistono quindi informazioni a consuntivo sui consumi, per la cui valutazione si Ł scelto di utilizzare il software di certificazione energetica degli edifici (CENED). Questo partendo dalle caratteristiche fisiche dell edificio, dai parametri ambientali e dal tipo di utenza ha permesso di calcolare i fabbisogni mensili di energia termica, frigorifera e acqua calda sanitaria. Con l ausilio di dati statistici Ł stato possibile costruire l andamento giornaliero dei carichi per ogni mese dell anno, le informazioni cos ottenute assieme ai parametri di funzionamento dei cogeneratori e degli altri componenti della centrale termica, alle condizioni economiche e tariffarie, al tasso di emissione di inquinanti per la generazione separata e ai rendimenti del sistema tradizionale di riferimento sono state necessarie per il funzionamento del software di simulazione di impianti di cogenerazione distribuita DCOGEN (sviluppato dal Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano in collaborazione con il CESI). Il DCOGEN effettua un analisi tecnico-economica dell impianto simulandone il funzionamento ottimale (strategia di ottimizzazione economica, il software sceglie ora per ora la logica che massimizza il flusso di cassa istantaneo in ingresso) per ogni ora del giorno per l intera vita utile.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Benedetti Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2238 click dal 08/01/2009.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.