Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scuola dell'infanzia e sala della musica a Spirano - Progettazione integrata ed ecosostenibile delle strutture pubbliche e del parco della musica come elementi di completamento e sviluppo urbano

La tesi di laurea è il traguardo del percorso di studi con il quale si è appresa una molteplicità d’informazioni specifiche. Le varie discipline hanno lo scopo dell’insegnamento nel loro particolare ambito e tale frammentazione giunge alla normale sintesi nella redazione del progetto finale. Il lavoro affronta le soluzioni progettuali urbanistiche, architettoniche, ingegneristiche e impiantistiche in una visione d’insieme. In quest’ottica è importante l’argomento di tesi in quanto concretizza in modo specifico alcune tematiche affrontate durante gli studi.
L’argomento scelto è connotato dalla volontà di affrontare un tema progettuale reale e contingente, con il proposito di avvalersi di un approccio professionale. Il termine “professionale” è inteso non solo nel semplice significato di competente in materia, ma soprattutto di responsabilità progettuale. L’ideazione e le scelte che ne seguono non devono essere irrealizzabili o valide solo sulla carta, ma la spinta è stata quella di operare nell’ottica della costruibilità e fattibilità nel contesto di appartenenza. La modificazione del territorio conseguente all’intervento deve essere sostenibile in tutti i vari aspetti urbanistici, architettonici ed energetici.
Inoltre si considera il risvolto etico dell’attività progettuale nel senso dell’impatto dell’architettura sui costumi e comportamenti umani (éthos), in quanto la percezione del costruito è veicolata dai cinque sensi in uno spazio temporale: l’idea d’architettura a servizio dell’utenza incrementa quella responsabilità del progettista scevra d’interessi particolari.


Le esigenze riguardo il tema di tesi hanno incontrato quelle dell’amministrazione del comune di Spirano. Tali richieste consistono di: una scuola dell’infanzia per 200 bambini costruibile in due lotti con annessa; una cucina per 500 pasti ad utilizzo anche dei ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado; una sala per la musica e per il parlato da 400-450 posti con palco e magazzino per 50 strumenti; delle aule per lezioni individuali di musica; uno spazio gioco. Ulteriori indicazioni fornite dall’amministrazione riguardano il collegamento con gli impianti sportivi e la composizione del campus scolastico.
Gli input concreti dell’amministrazione sono accompagnati da riflessioni preliminari quali: l’integrazione urbanistica del progetto nel tessuto esistente, lo sviluppo del verde tematico, l’utilizzo dell’acqua come elemento creatore di paesaggio, la flessibilità costruttiva, la multifunzionalità degli spazi, la tecnologia prestazionale, il risparmio energetico e il controllo degli aspetti tipologici dell’edificio.
La progettazione degli spazi urbani deve essere un intervento di qualità più che di quantità, sviluppare un’ampia rete di relazioni con il contesto e offrire varie opportunità d’integrazione e coinvolgimento tra fattori diversi. Il verde, che è un elemento sottovalutato e talvolta confinato a privato, non può essere progettato con principi casuali, ma è un elemento fondamentale per lo sviluppo sostenibile ed è una peculiarità qualificante del paesaggio per il ruolo centrale che assume nel miglioramento della qualità della vita di un luogo. Inoltre la mobilità degli utenti include parametri legati alla fruibilità del territorio, alla sicurezza, alla gradevolezza e all’organizzazione degli spazi urbani, quindi è il cittadino pedone l’attore principale di questa scena urbana.
La progettazione degli edifici pone l’accento sul carattere della sostenibilità che deve raggiungere tutti i livelli della costruzione del manufatto e dell’utilizzo futuro. Inoltre l’innovazione permea l’attività progettuale in quanto è una tensione al nuovo con la consapevolezza che non è l’invenzione del prodotto che riguarda l’attività del progettista, ma l’utilizzo e l’assemblaggio degli elementi presenti sul mercato con una mentalità libera dalle consuetudini, ma non asservita alla ricerca ossessionata della novità.

Mostra/Nascondi contenuto.
La tesi di laurea è il traguardo del percorso di studi con il quale si è appresa una molteplicità d’informazioni specifiche. Le varie discipline hanno lo scopo dell’insegnamento nel loro particolare ambito e tale frammentazione giunge alla normale sintesi nella redazione del progetto finale. Il lavoro affronta le soluzioni progettuali urbanistiche, architettoniche, ingegneristiche e impiantistiche in una visione d’insieme. In quest’ottica è importante l’argomento di tesi in quanto concretizza in modo specifico alcune tematiche affrontate durante gli studi. L’argomento scelto è connotato dalla volontà di affrontare un tema progettuale reale e contingente, con il proposito di avvalersi di un approccio professionale. Il termine “professionale” è inteso non solo nel semplice significato di competente in materia, ma soprattutto di responsabilità progettuale. L’ideazione e le scelte che ne seguono non devono essere irrealizzabili o valide solo sulla carta, ma la spinta è stata quella di operare nell’ottica della costruibilità e fattibilità nel contesto di appartenenza. La modificazione del territorio conseguente all’intervento deve essere sostenibile in tutti i vari aspetti urbanistici, architettonici ed energetici. Inoltre si considera il risvolto etico dell’attività progettuale nel senso dell’impatto dell’architettura sui costumi e comportamenti umani (éthos), in quanto la percezione del costruito è veicolata dai cinque sensi in uno spazio temporale: l’idea d’architettura a servizio dell’utenza incrementa quella responsabilità del progettista scevra d’interessi particolari.    

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Marroni Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1915 click dal 30/01/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile solo in CD-ROM.