Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove varietà per la comunicazione multimediale. Il caso delle Fan Fiction su Harry Potter

Le Fan Fiction (FF) sono una serie di racconti scritti dagli utenti del web che
rielaborano in modo originale i personaggi, le ambientazioni e le trame di romanzi, film,
fumetti o altri prodotti culturali da cui traggono ispirazione. Sono prodotte e distribuite nei fandom (fan community), luoghi virtuali dove gli appassionati di un certo fenomeno si ritrovano per discutere sulla loro passione.
Questa tesi osserva il modo in cui gli autori di FF sono condizionati dalle loro conoscenze e dal contesto comunicativo in cui sono inseriti, nella stesura dei racconti. Ho individuato due categorie di FF, entrambe analizzate utilizzando le categorie tipiche dell'analisi linguistica ed è emerso che nelle FF dalla struttura più tradizionale gli autori hanno la tendenza a fare scelte linguistiche tipiche dei testi scritti, mentre nelle FF di genere comico e satirico le scelte degli autori sono influenzate dal linguaggio dei nuovi media, dal gergo giovanile e dalle varietà colloquiali e regionali. L'influenza della dimensione diastratica e diafasica è, quindi, in relazione al genere e al contenuto del racconto. Ho infine inserito le due tipologie di FF all'interno del diasistema delle varietà linguistiche, in cui occupano due posizioni antitetiche in relazione alle tre dimensioni di variazione linguistica: diamesia, diastratia, diafasia.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Da sempre, nella letteratura sui nuovi media viene dato ampio spazio alla descrizione dell’effetto che essi hanno sulle modalità comunicative e sulle abitudini relazionali degli individui. In particolare, si tende a prendere in considerazione luoghi di incontro virtua- le ormai divenuti “classici” come forum e chat. In questo lavoro mi occuperò di un con- testo comunicativo meno comune, le fan community (fandom), frequentate da gruppi ri- stretti di appassionati di un certo fenomeno culturale o sociale. Queste comunità sono la “versione digitale” dei fan club tradizionali, in cui ogni partecipante si riconosce in un interesse comune e condivide le regole definite dal fondatore. Più in particolare, prende- rò qui in considerazione alcune abitudini linguistiche degli utenti di fandom, che hanno in parte le caratteristiche del gergo tipico di chi frequenta chat e forum, ma scopi diver- si: mentre in una chat pubblica l’obiettivo principale è conoscere nuove persone, in un fandom l’obiettivo è condividere i propri interessi con altri appassionati. In questi luo- ghi, quindi, si entra in contatto più velocemente, perché gli utenti hanno un bagaglio di conoscenze comuni che costituiscono un punto di partenza e permettono di stabilire i contatti iniziali in modo più “naturale” rispetto alle altre modalità di CMC (Computer Mediated Communication). In queste comunità virtuali, frequentate da un numero contenuto di utenti rispetto alle altre comunità online, si sviluppa il fenomeno delle Fan Fiction (d’ora in poi FF): con questo termine si fa riferimento a una serie di racconti scritti dagli utenti del web che rielaborano in modo originale i personaggi, le ambientazioni e le trame di romanzi, film, fumetti o altri prodotti culturali da cui traggono ispirazione. Le FF hanno come destina- tari principali coloro che già conoscono e apprezzano il romanzo o il film fonte, e hanno 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valentina Pedroni Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2457 click dal 05/01/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.