Skip to content

Immigration to Italy. Demographic and Economic aspects

Informazioni tesi

Traduttore: Julian Albert Vertefeuille
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Maria Letizia Tanturri
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 35

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"Le immigrazioni in Italia. Aspetti demografici ed economici"

The essay is aimed at analyzing the effects of the recent migration inflows on our Nation System, trying to provide an useful overview and allowing us to attempt some limited projections for the near future.
The work consists of three parts: the first one analyzes the prominent consequences of immigration from a demographic standpoint.
The second one tries to explain how the jobs market has been modified by the migration inflows and what are the new emerging trends; a section is dedicated to scrutinize a rather new and most interesting phenomenon: the migrant contractor.
The third and last part probes the sustainability of immigration under the fiscal and welfare state aspects.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUCTION The paper I have chosen to write as the final act of my educational route at the Università degli Studi di Pavia intends to cast light on the hot issue of immigration. A fact accepted as “physiologic” for all societies, it has lately become a major extent issue. What’s most unexpected - as the relevant research work and records start building up - is the great, ever-growing gap between the entity of the event and its knowledge. 1 , although the beginning of a literature on the subject has been noticed. In any case the still existing gaps in the general topic of migration flows must be filled in. By starting from this very incomplete familiarity with the phenomenon, one may in the end understand how the immigration issue, which has become a topic of debate within many member states of the European Union and more generally the western world, has blown up in our Country with an unusual and disproportionate virulence. It is in fact reasonable to state that immigration has become - in the last decade - a “hot” topic, one that shifts votes, attract crowds, is debated in political arenas and not by more or less competent subjects. It has now become a political and social problem with plenty of rumour, a lot of nonsense and very few certainties attached to it. In order to understand the reason of sudden interest by the media and the political world for this phenomenon, which in the past decades could have easily been rated as a “technical issue”, open to and actually entrusted to bureaucrats, it just takes to glance at the figures published by EUROSTAT in the 2007 report 2 : in the 2002 – 2006 period, the number of people arriving to our Country is equal to 1.843.000 3 with peaks in 2003 and 2004. Speaking of inflows, Italy has become - in absolute terms - the second European immigration pole (just Spain does better than us) and, on a world basis, comes higher than the United States 4 if related to population; therefore our peninsula outclasses Countries with strong and historical migration traditions like France, England and Germany. The above-mentioned are high-impact data, for two main reasons: first of all it’s worth to emphasize that Italy has always been a land of emigrants; it’s a fact that Italy’s National History is spangled with copious flows of our fellow citizens migrating abroad (North and South America, Australia, European Countries), in search of a job and better life conditions; the notion of a trend reversal in recent years and the fact that Italy has become a Country in need of and able to host immigrants even in a large number, appears as being not well accepted and understood by the natives. 1 As recalled in the introduction to L’incidenza economica dell’immigrazione edited by Massimo Livi Bacci and verified by the author of the present report . 2 Pastore F., La paranoia dell’invasione e il futuro dell’Italia published on “Limes” 4/2007. Pages 22-23 3 Pastore warns us to also consider the regularization factor, which has indeed greatly influenced the total figure 4 Pastore F., op. cit. page 29

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

age
ageing
budget surplus
demography
earned income
fiscal balance
generational turnover
healthcare
immigration
integration
italy
migrant
migratory flows
native worker
population decrease
public expenditure
retirement
revenue
self-employment
skilled/unskilled labor
social security
subordinate work
taxpayer
welfare state

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi