Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scenari tradizionali e scenari innovativi di fund raising per il Terzo Settore: il caso della Fondazione Meyer

Il presente lavoro consiste in un'approfondita analisi della tematica del fund raising e dei suoi strumenti più efficaci. Inoltre si sono presi in analisi gli scenari innovativi presenti nel nostro paese e nel mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE: ASPETTI TEORICI DEL FUND RAISING 1.1 Cos’è il fund raising. “Il fund raising è un’arte gentile dell’insegnare la gioia di donare”. H. Rosso Esistono molte concezioni e definizioni diverse di fund raising, è possibile comunque identificare alcuni elementi chiave che ci portano a delineare come fund raising quel complesso di attività che l’organizzazione non profit mette in atto per la creazione di rapporti di interesse fra chi chiede risorse economiche, materiali e umane in funzione dello scopo statutario e chi è potenzialmente disponibile a donarle. Fund raising è una parola che non è traducibile semplicemente in “raccolta fondi”. Il verbo inglese “to raise” ha il senso di: far crescere, coltivare, sorgere, ossia sviluppare i fondi necessari a sostenere un’azione senza finalità di lucro. Perciò il fund raising deve essere considerato tutt’altro che una mera attività di raccolta, ma come un’azione strategica fortemente finalizzata a un obiettivo di crescita e sviluppo. L'attività di fund raising costituisce uno dei momenti fondamentali della vita di molte organizzazioni che operano nel non profit, indipendentemente dalle loro dimensioni o dall'ambito in cui queste decidano di agire: soltanto attraverso una raccolta fondi efficiente, infatti, sono possibili la sopravvivenza e lo sviluppo di un ente senza fini di lucro e quindi, in ultima analisi, il raggiungimento dei suoi scopi. Uno dei principali compiti del fundraiser è far conoscere ai diversi pubblici l’organizzazione, i suoi obiettivi ed i suoi risultati, allo scopo di generare “matrimoni di interesse” fra chi dona e chi riceve. La corsa a raccogliere fondi ha spesso portato a seguire approcci semplicistici e quindi a creare confusione e performance negative per le organizzazioni. Gli approcci errati più diffusi sono i seguenti: CHIEDERE L’ELEMOSINA. Non è raro imbattersi in chi vede il fund raising quasi come una forma di “richiesta di elemosina”. Provare vergogna nel chiedere soldi porta, di conseguenza, a non essere abbastanza chiari nella richiesta e nell’entità della donazione o a non sollecitare nel tempo e in modo diretto la donazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Daniela Bini Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 780 click dal 13/01/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.