Skip to content

Dalla dolce vita alla vita agra. La commedia del boom (1960-1964)

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Balbi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Giacomo Manzoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 335

Questo elaborato è dedicato all’analisi della “commedia del boom”: la parte iniziale di quel lungo filone che si è contraddistinto come il più longevo fenomeno della cinematografia italiana del dopoguerra. La commedia all’italiana, è qui inquadrata all’interno di una prospettiva di studio, che si propone di assumere il contesto del “miracolo economico”, come “macrotesto ospitante”, cioè come una “rete composita di discorsi entro cui il testo si colloca”.
La felice stagione di successi aperta dalla doppia vittoria a Venezia de La Grande Guerra e de Il generale Della Rovere, segnala la vivacità del sistema produttivo nazionale, e l’importanza che riveste il mezzo cinematografico, all’interno della società italiana, nonostante la concorrenza crescente del mezzo televisivo. Nel 1960 l’apparizione sugli schermi del film di Fellini, La dolce vita, costituisce un momento di capovolgimento dei quadri mentali degli italiani, e soprattutto rende palese l’ormai dilagante mutazione dei costumi, che nel decennio precedente istituzioni politiche e religiose, avevano cercato di mantenere sotto controllo. Di questa “grande trasformazione”, il cinema si fa carico e la commedia all’italiana partecipa a questa narrazione collettiva, scrivendo un copione, che si declina nei toni ironici e sferzanti, della satira di costume. La commedia del miracolo, intercetta questi cambiamenti di comun accordo, con quanto vanno facendo negli stessi anni testate come “L’Espresso” e scrittori, con una propensione per la satira sociale, come Bianciardi e Mastronardi. Con continue oscillazioni tra “civismo” e “cinismo”, i film della commedia negoziano una loro identità di voce critica, rispetto all’euforia generale che accompagna l’arrivo del benessere. Una critica “frondista”, che non nasconde una certa vena di complicità, con quanto viene messo in scena.
Il nostro lavoro ha cercato di tenere conto, di quello che la commedia viene elaborando tra il 1960 e il 1964, gli anni che sanciscono il passaggio dalla dolce vita alla vita agra. Nella prima parte della tesi, si è cercato di tracciare la rete dei rapporti che la commedia, come genere, costruisce con altri ambiti di elaborazione e di diffusione, dei discorsi sociali sul boom economico. Si è puntato, su due nodi, che con il cinema hanno intrattenuto, in particolare nel periodo post-bellico, un rapporto molto intenso: la stampa e la letteratura.
Definiti i contorni esterni del macrogenere chiamato commedia all’italiana, si è cercato successivamente di portare alla luce alcuni degli elementi, prodotti da questi intrecci intertestuali e interdiscorsivi, che si formano al suo interno. I sei studi di caso su cui abbiamo puntato, hanno avuto il compito di chiarire singoli aspetti della mutazione socio-antropologica chiamata boom. Nel contempo attraverso l’analisi di opere come Il sorpasso, La voglia matta, I mostri, Divorzio all’italiana, La parmigiana e Una vita difficile, si è potuto mettere in rilievo quello che è il punto di vista che la commedia all’italiana esercita su questo periodo storico, e come grazie a questo suo lavoro sull’Italia del miracolo, arrivi a costruire, la sua immagine di specchio deformante dei caratteri nazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Questo elaborato è dedicato all’analisi della “commedia del boom”: la parte iniziale di quel lungo filone che si è contraddistinto come il più longevo fenomeno della cinematografia italiana del dopoguerra. La commedia all’italiana si costituisce come un grande affresco collettivo, l’aggregazione di una serie di opere che pur mantenendo una loro singolarità, riescono a esprimere nel loro insieme una visione unitaria della nostra società, in cui si mescolano la precisione della miniatura e l’impatto della gigantografia. Questo effetto manifesta la sua compattezza maggiore negli anni del “miracolo economico”, riuscendo a trovare in una fase di grandi trasformazioni il giusto collante per il suo ritratto del presente. Verso la fine degli anni Cinquanta in Italia si manifestano in maniera dirompente i segni di un cambiamento, che da circa un quindicennio, andava modificando i vetusti costumi autarchici, sotto forma di piccole e inesorabili trasformazioni quotidiane. L’Italia non diventa nel corso di cinque anni una società industriale, e il punto di partenza di questa “grande trasformazione” è solo in parte quello di un’arcaica civiltà contadina. 1 Questa è l’immagine un po’ semplificata, che molti commentatori all’epoca danno del cambiamento che si palesa davanti ai loro occhi. Il loro sguardo è però condizionato da una visione del mondo che affonda le sue radici nel fascismo, e che la tragedia della Seconda Guerra Mondiale è servita a rinsaldare, fornendo una testimonianza “a caldo”, della situazione generale dell’intero paese. La Resistenza, si è tramutata col tempo, in una forma di lotta al presente post-fascista, in grado di alimentare diverse concezioni ideologiche, generando nuove (o risvegliando vecchie), forme di contrapposizione sociale. Quello che era stato un movimento di 1 Cfr. David Forgacs, Stephen Gundle, Cultura di massa e società italiana, 1936 – 1954, Il Mulino, Bologna, 2007.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alberto sordi
anni sessanta
antonio pietrangeli
boom
cinema e società
cinema italiano
commedia all'italiana
dino risi
divorzio all'italiana
dolce vita
federico fellini
i mostri
il sorpasso
intertestualità
italia del dopoguerra
l'espresso
luciano bianciardi
marcello mastroianni
miracolo economico
pietro germi
rotocalchi
satira
ugo tognazzi
vittorio gassman

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi