Skip to content

Studio ed implementazione di algoritmi di visione artificiale su architetture parallele di tipo SIMD

Informazioni tesi

  Autore: Antonino Cimò
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Informatica
  Relatore: Filippo Sorbello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

Il settore della visione artificiale ha subito, negli ultimi anni, un processo di continuo sviluppo, ed è stato oggetto di numerose ricerche.
Unitamente alle tecniche di elaborazione delle immagini digitali, tale disciplina ha permesso di affrontare e risolvere progetti in ambito civile ma, soprattutto, in ambito industriale, quali le applicazioni robotiche. Grazie alla ricerca in questo settore, è stato, infatti, possibile programmare il movimento autonomo di robot in ambienti ostili, o l’inseguimento di obiettivi mobili.
Nella seguente tesi, è stato analizzato un agente visivo artificiale ad alto livello per le interpretazioni grafiche e simboliche dei dati, provenienti da una videocamera che acquisisce le sequenze di immagini di un oggetto in movimento.
Tra i requisiti che un agente visivo dovrebbe avere, uno di particolare importanza è il tempo di elaborazione, ossia il tempo necessario ad analizzare ed interpretare le sequenze di immagini provenienti dalla videocamera. La rapidità di esecuzione, infatti, deve essere tale da consentire applicazioni di tipo real-time.
Tale requisito, però, è difficilmente raggiungibile tramite un’implementazione sequenziale dell’agente visivo, a causa della complessità delle elaborazioni grafiche da effettuare, che richiedono, quindi, un tempo di esecuzione non indifferente.
Al fine di abbattere drasticamente il tempo di esecuzione, ed ottenere, così, un’elaborazione real-time, si è deciso di procedere alla realizzazione di un algoritmo parallelo per l’implementazione dell’agente visivo più volte citato.
A tal proposito, è stata utilizzata un’architettura hardware parallela di tipo SIMD (Single Instruction Multiple Data). Tra i PMMS (Portable Multi-Media Supercomputer), il paradigma SIMD sfrutta pienamente il parallelismo sui dati disponibili nell’applicazione in oggetto.
L’agente visivo artificiale genera l’esatta descrizione 2D dei movimenti dell’oggetto, ottenuti dalla sequenza delle immagini, fornendo le necessarie informazioni per eseguirne la stima 3D.

Le caratteristiche dell’agente visivo sono:
• individuare e segmentare l’oggetto in movimento anche negli sfondi più
contrastati ed irregolari;
• eseguire una stima tridimensionale della posizione dell’oggetto tramite immagini
acquisite da videocamera;
• inseguire l’oggetto nella sequenza video.

L’agente visivo artificiale implementato, è basato su due componenti principali:
• il componente della percezione;
• il componente della visualizzazione.

Il componente della percezione elabora i dati delle immagini provenienti da una videocamera; il compito principale di questo componente è quello di valutare la posizione dell’oggetto nell’immagine acquisita.
Il componente della visualizzazione fornisce un feedback immediato e visuale dei movimenti dell’oggetto, complementari alla descrizione simbolica proveniente dal precedente componente; esso fornisce inoltre l’interfaccia grafica per l’intero agente.
La parte implementata nella seguente tesi, riguarda proprio il componente della percezione.
Le immagini acquisite dalla videocamera vengono elaborate, allo scopo di estrarre i contorni dell’oggetto, mediante un algoritmo basato sui contorni attivi (o snake).
La forma dell’oggetto è estratta, utilizzando l’evoluzione del contorno attivo basato sulla metodologia GVF (Gradient Vector Flow).
Le coordinate 3D sono ottenute usando algoritmi tipici della “computer vision”.
L’architettura hardware parallela presa in esame per l’implementazione dell’agente di cui sopra, è stata l’architettura SIMPil.
Il sistema SIMPil è un’architettura parallela di tipo SIMD, sviluppata dal PICA Research Group della Georgia Tech. Grazie ad un maggior equilibrio tra processing, immagazzinamento e comunicazione rispetto alle architetture DSP, SIMPil consente l’elaborazione real-time nelle applicazioni multimediali. SIMPil utilizza i benefici del parallelismo dovuto all’array SIMD, collegamenti corti ed una microarchitettura tale da fornire un aumento considerevole dell’efficienza energetica; esso sfrutta i vantaggi dell’integrazione di dispositivi optoelettronici in un sistema di elaborazione digitale ad alte prestazioni.
L’obiettivo della presente tesi è stato, quindi, la realizzazione e l’implementazione sull’architettura SIMPil, di un algoritmo parallelo per la gestione del movimento dello snake, in grado di consentire l’inseguimento dell’oggetto in movimento in tempo reale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Studio ed Implementazione di Algoritmi di Visione Artificiale su Architetture Parallele di tipo SIMD Antonino Cimò 12 Luglio 2002 Università degli Studi di Palermo Relatore: Chiar.mo Prof. Ing. Filippo Sorbello Correlatori: Ing. Antonio Gentile Ing. Ignazio Infantino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agente visivo
componente della percezione
parallelismo
simd
simpil
snake

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi