Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forze politiche e movimenti sociali in Basilicata dall'unità al viaggio Zanardelli

Questa tesi analizza la Basilicata, dall'unità d'Italia al viaggio Zanardelli. In particolare approfondisce i seguenti aspetti:

- la situazione socio-politica
- la realtà culturale
- l'emigrazione
- l'emanazione di leggi per la Basilicata

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il più grave dei problemi che agitavano il nuovo regno era quello delle condizioni in cui versavano tutte le province del Mezzogiorno, qui non c’era stato il passaggio dei poteri dal vecchio al nuovo regime. Lo storico Racioppi scriveva: <<Il nuovo mondo comincia in Basilicata col Decennio che trasforma la condizione economica e anche l’assetto sociale>>.<<Questa borghesia che già era niente, si estende e si rafforza; man mano diventerà tutto, quando i possessi del ceto feudale passeranno, tutto o in parte, nelle mani sue. Sotto l’antico regime la borghesia delle nostre comunità era poca cosa e di poco numero, tranne il ceto dei preti che era numerosissimo, favorito da tante ragioni, e specie dall’ordinamento tutto locale delle chiese recettizie e delle ricchezze di queste. Qualche medico, qualche rara avis di un dottore in legge, qualche notaio che rimaneva ancora sui gradini più bassi della classe civile, qualche droghiere che vendeva sciroppi e farmaci, ecco tutta la borghesia della comunità>> (1) . Sulle rovine del mondo feudale nasce un nuovo equilibrio: la borghesia dei proprietari terrieri subentrava nelle campagne ai baroni. Ma la situazione non cambiava molto, anche se le prime strade rotabili congiungono ora, dopo tanti secoli, Potenza e Matera alla capitale. Borghesia rurale, clero e contadini erano i protagonisti della storia regionale nell’ultimo periodo borbonico. La caduta dei borboni aveva lasciato alle rivalità locali il potere. La classe

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabiola Pascale Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1729 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.