Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teoria della mente: una prospettiva di ricerca in psicologia dello sviluppo

LA tesi parla della formazione della teoria della mente nei bambini, ambito poco studiato e sviluppatosi solo in questi ultimi anni. A partire dagli studi di Piaget e Leslie fino ad oggi, gli autori che l'hanno ipotizzata e i precursori; inoltre, come questi studi si legano al fenomeno dell'autismo e agli studi applicati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La “teoria della mente” tratta un argomento molto particolare: il modo in cui le persone comprendono gli atteggiamenti e comportamenti altrui in base alle loro credenze, ai loro desideri ed alle loro idee. Seppur la cognizione umana sia oggetto di ricerche da molti anni, questo particolare campo sta subendo solamente negli ultimi decenni un forte impulso; uno degli ambiti che maggiormente si sta cercando di approfondire è quello che studia il modo in cui questa teoria della mente si sviluppa, come ormai sembra certo, a partire dall’infanzia. Essendo una ricerca in via di espansione, ed aprendo quindi a molte ipotesi possibili e sempre nuove, ed in seguito ad un personale interesse riguardo ai bambini, il loro sviluppo ed il conseguente campo di studi nato in psicologia, si è deciso di trattare tale soggetto nell’ambito di questa tesi. Rappresentando un particolare approccio alla psicologia dello sviluppo, è sembrato giusto spiegare, oltre ai concetti chiave riguardanti la teoria della mente, anche le varie teorie dello sviluppo cognitivo infantile proposte nel ’900 e ad essa collegate, in quanto hanno portato gli psicologi a porsi determinate domande riguardo alcuni argomenti da cui ha preso poi vita l’attuale teoria della mente. In particolare, sono state scelte le teorie di Vygotskij, Bruner e Piaget come rappresentanti della psicologia dello sviluppo che si occupa dei processi mentali poiché i loro lavori hanno portato idee fortemente innovative e importanti temi di discussione all’interno degli studi cognitivi applicati ai bambini. È stato ritenuto necessario, inoltre, trattare argomenti quali l’autismo e, ad esso fortemente collegato, il tema dei precursori della mente, che hanno rappresentato due campi applicativi centrali per lo sviluppo e l’articolazione di questo approccio: i precursori della mente come dimostrazione della presenza di una teoria della mente che inizia a svilupparsi già a tenera età, l’autismo come conferma della correttezza delle ipotesi formulate e dell’importanza della teoria della mente nello sviluppo cognitivo normale.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sabrina Bozzo Rolando Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11155 click dal 21/01/2009.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.