Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ingresso on-line delle aziende editoriali: dall'informazione al commercio, limiti attuali e prospettive future

Lo strumento Internet ed il suo impiego massiccio in campo aziendale ha comportato differenti sconvolgimenti nei settori di attività più comuni. L’analisi di cui tratteremo è inerente al processo di transazione in corso nel campo dell’editoria di vario tipo, dal libro, al giornale, alla rivista, analizzando opportunità e minacce che lo sviluppo della rete e del web nella propria azienda conseguono.
L’editoria italiana sta attraversando una fase di profonde trasformazioni che impattano radicalmente sulla struttura del settore nei diversi livelli della filiera distributiva. In particolare l’evoluzione dei canali e delle strategie si colloca al punto di intersezione fra i cambiamenti legati al rapporto fra editori e formule di vendita e alle modificazioni logistiche o organizzative connesse alle nuove tecnologie.
Le aziende italiane da qualche anno si sono trovate davanti ad un bivio. Continuare a puntare solo sulla propria edizione cartacea, innovandola con contenuti e servizi, oppure integrarla con una versione on-line che quindi non la soppianti, bensì renda possibile l'offerta ai propri lettori di quell’insieme complesso di vantaggi reso disponibile da internet?

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo strumento Internet ed il suo impiego massiccio in campo aziendale ha comportato differenti sconvolgimenti nei settori di attività più comuni. L’analisi di cui tratteremo è inerente al processo di transazione in corso nel campo dell’editoria di vario tipo, dal libro, al giornale, alla rivista, analizzando opportunità e minacce che lo sviluppo della rete e del web nella propria azienda conseguono. L’editoria italiana sta attraversando una fase di profonde trasformazioni che impattano radicalmente sulla struttura del settore nei diversi livelli della filiera distributiva. In particolare l’evoluzione dei canali e delle strategie si colloca al punto di intersezione fra i cambiamenti legati al rapporto fra editori e formule di vendita e alle modificazioni logistiche o organizzative connesse alle nuove tecnologie. Le aziende italiane da qualche anno si sono trovate davanti ad un bivio. Continuare a puntare solo sulla propria edizione cartacea, innovandola con contenuti e servizi, oppure integrarla con una versione on-line che quindi non la soppianti, bensì renda possibile l'offerta ai propri lettori di quell’insieme complesso di vantaggi reso disponibile da internet? Nonostante questa possa essere una domanda di facile risposta, le variabili da considerare al momento della creazione di un luogo di informazione digitale che corrisponda per ideologia, carattere e pensiero, all’identità stabilita dalla versione cartacea e dalla testata stessa, sono molte. E tante sono, infatti, le testate nazionali che hanno deciso, per un motivo o per l’altro, di abbracciare la nuova tecnologia in maniera limitata, offrendo soltanto i medesimi contenuti presenti nella versione cartacea. La rete offre uno spazio potenzialmente illimitato per pubblicazioni editoriali, anche in quanto mezzo intermediario per aziende di medio/piccole dimensioni, che nella realtà trovano difficoltà ad posizionarsi negli scaffali di edicole e librerie ingombrate dalla polvere dei volumi delle maggiori case editrici, e che nel web possono ritagliarsi visibilità pari a quella di realtà note e blasonate dell’editoria classica. Lo strumento del “link” può creare circuiti tematici molto interessanti e l’interazione diretta e immediata con i lettori rende le risorse potenziali a cui accedere ancora più vaste. L’alta tecnologia sta apportando significative modifiche al “consueto modo di conoscere e far sapere”, e pian piano potrebbero cambiare situazioni alle quali da tempo siamo abituati. Il libro, quel meraviglioso e inestimabile “scrigno di saperi”, attraverso la cui lettura ci confrontiamo, impariamo, proviamo ciò che non proveremmo mai, viviamo cose che altri hanno vissuto, passiamo il tempo, adesso non è più l’unico mezzo di acculturazione, di svago, di piacere

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Oddi Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5610 click dal 15/01/2009.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.