Skip to content

Per un turismo culturale in Gallura

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Marras
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Carlo Donato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

L’Italia, nonostante i molti vincoli posti in materia di tutela e promozione, non riesce a governare bene il proprio paesaggio, in quanto non ha tuttora saputo trovare soluzioni convincenti nella prospettiva di una positiva convergenza tra politiche del paesaggio e politiche del territorio e dello sviluppo locale, una convergenza equilibrata che non sacrifichi ne le istanze della tutela né quelle dello sviluppo, e che anzi assuma il paesaggio come risorsa anche economica (Clementi 2004).
Dal punto di vista dell’offerta di Beni Culturali, l’Italia detiene più del 50 per cento del patrimonio storico mondiale e ciò si traduce in un potenziale vantaggio competitivo (Van der Borg, Costa 2005). Tuttavia il Paese viene contraddistinto come quello che possiede il più basso grado di utilizzazione di tali risorse.
Il turismo culturale è un fenomeno che in questi ultimi anni, nell’ambito dell’industria turistica in generale, sta riscuotendo sempre maggiore successo anche grazie al sempre maggiore interessamento dimostrato dalle Autorità politiche locali, nazionali e internazionali.
Oltre a disegnare un sintetico e funzionale quadro di riferimento, scopo della presente ricerca è quello di valutare se, attraverso coerenti strategie di sviluppo, il patrimonio culturale-ambientale della Gallura possa tramutarsi in effettivo vantaggio competitivo, così come auspicato dai Ministri Europei della Cultura; si tratta di obiettivi formulati dal trattato di Maastricht del ’92, il quale per la prima volta ha riconosciuto formalmente la dimensione culturale dell’integrazione europea. In questo senso l’Unione Europea persegue un duplice obiettivo: tutelare e sostenere questo patrimonio e contribuire a garantirne l’accessibilità.
In particolare si vuole valutare se esso possa diventare uno strumento nuovo e alternativo di sviluppo del comparto turistico e quindi fattore produttivo di occupazione e reddito.
Il Turismo Culturale in Gallura è potenzialmente strategico per tutto il settore turistico per un insieme di ragioni:
1. è un modello che si combina bene con il Turismo Rurale, in quanto entrambi possono svilupparsi a condizione che si sappiano valorizzare le risorse locali;
2. non entra in concorrenza con quello balneare, ma anzi diventa una risorsa supplementare e complementare al mare e alle coste, risorsa che, se ben sostenuta contribuirebbe all’allungamento della stagione turistica. I dati, raccolti da diversi enti pubblici e privati, confermano infatti che, nei periodi spalla (aprile-maggio e settembre-ottobre) le presenze sono caratterizzate da turisti innamorati della cultura locale dei luoghi visitati. Tuttavia, anche in alta stagione il turista amante del mare approfitta dei giorni di maltempo, sempre più frequenti nei periodi di punta, per visitare musei, siti archeologici e naturalistici.
Così, uno sviluppo di questo segmento contribuirebbe a limitare le stagionalità incrementando il T.U.L . Infatti, è ormai chiaro che il Turismo Balneare da solo non basta per garantire una crescita di lungo periodo del settore;
3. è un modello che contribuisce alla riduzione degli squilibri economici e territoriali creati invece dal turismo balneare. Infatti, sviluppare l’offerta verso il “segmento culturale” porterebbe indubbiamente vantaggi anche alle zone non costiere contribuendo tra l’altro a limitare lo spopolamento dei paesi dell’interno;
4. è un modello che non produce dissesti ambientali, ma agevola un processo di riqualificazione anche di quei territori che hanno subito profonde trasformazioni demografiche negative. Ciò contribuisce al mantenimento di un turismo Sostenibile, un turismo cioè che rispetti e preservi l’ambiente e le risorse culturali dei luoghi. Diverse iniziative sono state prese di recente dall’Unione Europea, quali la “bandiera blu per le spiagge”, gli ecomusei e tutta una serie di interventi a livello locale volti a trasformare il turismo attuale, caratterizzato da sovraffollamento e produzione massiccia di rifiuti, in Turismo Ecologico (Nano 2006).

Questa nuova forma di turismo, pur essendo ancora agli esordi, sta ottenendo dei risultati importanti. Risultati che, per il momento, hanno agevolato soprattutto quelle aree che erano già forti, anche a causa delle scarse connessioni tra queste aree e quelle più deboli. Tali lacune portano tre fondamentali ricadute negative in termini turistici:
- inadeguata valorizzazione delle culture locali;
- marginalità dell’offerta turistica nei luoghi meno sviluppati;
- scarsità di risorse finanziarie per inserire le culture locali nei tanto complessi, quanto attuali processi di globalizzazione (Mazzette 2002).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA L’Italia, nonostante i molti vincoli posti in materia di tutela e promozione, non riesce a governare bene il proprio paesaggio, in quanto non ha tuttora saputo trovare soluzioni convincenti nella prospettiva di una positiva convergenza tra politiche del paesaggio e politiche del territorio e dello sviluppo locale, una convergenza equilibrata che non sacrifichi ne le istanze della tutela né quelle dello sviluppo, e che anzi assuma il paesaggio come risorsa anche economica (Clementi 2004). Dal punto di vista dell’offerta di Beni Culturali, l’Italia detiene più del 50 per cento del patrimonio storico mondiale e ciò si traduce in un potenziale vantaggio competitivo (Van der Borg, Costa 2005). Tuttavia il Paese viene contraddistinto come quello che possiede il più basso grado di utilizzazione di tali risorse. Il turismo culturale è un fenomeno che in questi ultimi anni, nell’ambito dell’industria turistica in generale, sta riscuotendo sempre maggiore successo anche grazie al sempre maggiore interessamento dimostrato dalle Autorità politiche locali, nazionali e internazionali. Oltre a disegnare un sintetico e funzionale quadro di riferimento, scopo della presente ricerca è quello di valutare se, attraverso coerenti strategie di sviluppo, il patrimonio culturale-ambientale della Gallura possa tramutarsi in effettivo vantaggio competitivo, così come auspicato dai Ministri Europei della Cultura; si tratta di obiettivi formulati dal trattato di Maastricht del ’92, il quale per la prima volta ha riconosciuto formalmente la dimensione culturale dell’integrazione europea. In questo senso l’Unione Europea persegue un duplice obiettivo: tutelare e sostenere questo patrimonio e contribuire a garantirne l’accessibilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bene ambientale
bene culturale
beni ambientali
beni culturali
catalogazione
centri culturali
costa smeralda
coulturest
cultura
culturest
gallura
musei
naturalistico
patrimonio culturale
sitag
turismo
turismo culturale
turista culturale
tutela del patrimonio culturale
valorizzazione del patrimonio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi