Skip to content

L'interlocutore: una risorsa per la comunicazione con la persona afasica

Informazioni tesi

  Autore: Bettina Rigato
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Logopedia
  Relatore: Bice Trombetti
  Lingua: Tedesco
  Num. pagine: 117

La comunicazione linguistica nella sua complessa stratificazione ed attuazione, costituisce una forma fondamentale del comportamento umano e al giorno d’oggi diviene base del vivere sociale. Nel nostro linguaggio si riflette tutta la complessità della vita umana.
Ma cosa accade nella vita di una persona quando in seguito ad un danno cerebrale i delicati equilibri che consentono il reciproco scambio di pensieri, idee, sensazioni e bisogni vengono meno?
Non essere più in grado di comunicare se stessa agli altri, è ciò che sperimenta e prova la persona che dopo un danno cerebrale diventa afasica.
In quanto i danni al sistema nervoso centrale che causano afasia, subentrano inaspettati e quasi sempre in maniera dirompente e sconvolgente nella vita della persona e della sua famiglia, essi si trovano costretti a modificare il loro stile di vita, il ruolo sociale e familiare, le relazioni e le dinamiche instaurate fino ad allora in maniera profonda e duratura. Il disturbo linguistico – comunicativo si ripercuote sull’intera rete sociale che circonda la persona afasica e conseguentemente diventa anche una “malattia della famiglia”. Ciò implica conseguentemente la perdita dell’autonomia, della libertà e del potere decisionale. Gli obiettivi prefissati di questa tesi hanno primariamente lo scopo di evidenziare come promuovere lo scambio comunicativo, base dell’interazione e della partecipazione sociale, sia in fase acuta che cronica tra la persona afasica e familiari, e di agire secondariamente in maniera preventiva contro l’isolamento sociale.
La comunicazione è un processo dinamico attivo, nel quale si è alternativamente locutore o interlocutore. La conversazione prevede per la sua riuscita l’attuazione del Principio di cooperazione, pertanto, il ruolo e la responsabilità che ambedue i partecipanti hanno nella riuscita dello scambio comunicativo diviene evidente.
Il ruolo del logopedista, secondo l’approccio pragmatico, si estende al di là di quello di insegnante o terapeuta, ma rappresenta un vero e proprio “partner comunicativo di supporto” in grado di impiegare la persona con afasia in una conversazione. Il logopedista è l’unico professionista che lavora sulla comunicazione attraverso la comunicazione linguistica. In tal senso obiettivo e mezzo terapeutico coincidono e la conversazione diventa uno strumento riabilitativo. Quindi, conversando consapevolmente con la persona afasica si attiva un percorso con caratteristiche naturali a valenza implicita, che mirano al miglioramento della competenza comunicativa.
In riferimento alle diverse caratteristiche dei vari approcci pragmatici, emerge un pensiero comune: la qualità della relazione comunicativa con l’interlocutore influenza la capacità di comunicazione della persona afasica. Quindi, il successo dell’interazione non dipende solo dalla persona afasica, ma anche dall’abilità del partner comunicativo non afasico.
Il logopedista contribuisce attraverso il suo “saper fare” e “saper essere” a formare l’interlocutore nella difficile direzione della consapevolezza e dell’assunzione di responsabilità comunicativa. Il suo ruolo come formatore prevede anche di aiutare a riconoscere gli elementi di non funzionamento dello scambio e a supportare ambedue i partecipanti attraverso risorse e strumenti più adeguati per far emergere e potenziare le competenze degli interlocutori conversazionali. Esso si propone non solo come esperto della materia, ma anche come guida creativa, per aiutare gli interlocutori a riconoscere le proprie potenzialità e modalità comunicative.
Il percorso di formazione alla comunicazione si pone lo scopo di accrescere le competenze attraverso lo sviluppo di abilità comunicative interpersonali orientate all’individuo. Il logopedista nel contesto terapeutico ed il familiare nella quotidianità, collaborando insieme e perseguendo gli stessi obiettivi, possono rafforzare l’effetto terapeutico e garantire una partecipazione sociale della persona afasica più attiva.
Queste considerazioni tratte dai diversi approcci pragmatici ci portano alla conclusione che l’interlocutore, se opportunamente informato sulle dinamiche dello scambio comunicativo e formato all’uso di una comunicazione di supporto da parte del logopedista, diventa una risorsa essenziale per conversare con il paziente afasico.
In conclusione, visto e considerato che, riuscire a far conversare più efficacemente la persona afasica tramite un partner conversazionale opportunamente “formato”, induce e produce un miglioramento anche del linguaggio, ne consegue che il settore della formazione di familiari e caregivers assume un’importanza notevole per tutti coloro che a diverso titolo si occupano della riabilitazione dell’afasia.
Tuttavia, a tutt’oggi nel campo della patologia del linguaggio e della comunicazione gli sforzi dedicati sono insufficienti a delineare e a mettere in atto corsi di formazione per una comunicazione di supporto per caregiver e familiari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La mia tesi “L’interlocutore: una risorsa per la comunicazione con il paziente afasico”, è nata da una curiosità sorta durante il tirocinio: perché le persone afasiche comunicano diversamente in base all’interlocutore che hanno di fronte? Come mai comunicano meglio con i familiari e con il logopedista e invece incontrano molteplici ostacoli nello scambio comunicativo con altri interlocutori? L’intento della tesi è quello di tracciare un filo conduttore tra le varie informazioni e conoscenze sparse nell’ambito riabilitativo logopedico riguardo alle terapie ad orientamento pragmatico, per rappresentarle in un quadro più chiaro e per vederle come uno spunto operativo da applicare. La mia ricerca si è basata su materiale scientifico ricavato dalle banche dati Medline, Pubmed, CINAHL, Embase, non che da una ricerca cartacea tramite un’ampia revisione della letteratura nel campo logopedico, neuropsicologico, linguistico – pragmatico e medico Gli obiettivi specifici della tesi sono: migliorare direttamente le prestazioni e le performance comunicative del paziente afasico; migliorare indirettamente la qualità di vita del paziente afasico; aumentare l’autonomia del paziente afasico (migliorare l’autonomia, l’autostima e l’autoefficacia); e si attendono i seguenti risultati: superamento delle barriere e degli ostacoli comunicativi in pazienti afasici acuti e cronici; partecipazione attiva delle persona afasica al proprio progetto di vita e nelle attività quotidiane;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi