Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sinonimia nelle varietà standard tedesche

La mia tesi tratta della sinonimia nelle varietà standard della lingua tedesca. La sinonimia è una relazione tra parole che hanno lo stesso significato o quanto meno significato simile. Sono sinonimi ad esempio Vater/Papa-Papi, come lo sono Lust-Spaβ oppure Blutarmut/Anämie.
Nello svolgere la mia tesi ho cercato di individuare questa relazione semantica nelle diverse varietà standard tedesche. Il tedesco ha varietà standard e varietà non-standard: di quest’ultime fanno parte la Umgangssprache (varietà colloquiale vicina allo standard), i gerghi (varietà utilizzate da specifici gruppi di persone e che si sono sensibilmente allontanate dalla lingua o dal dialetto parlato normalmente in zona; l’intento di questi gruppi è spesso quello di non farsi capire da coloro che non appartengono al gruppo, perciò una caratteristica dei gerghi è quella della segretezza, caratteristica che però i gerghi possono perdere in fretta o essi possono cadere in disuso, infatti alcune parole nate in un gergo possono sopravvivere per poi passare alla lingua standard:un esempio è la parola Bulle entrata nel linguaggio comune ed indica Polizist), i dialetti (usati in contesti informali e familiari per lo più dalla popolazione rurale, e sono molto distanti dallo standard; l’uso del dialetto sta diminuendo più nella Germania settentrionale, dove il divario fra standard e dialetto è maggiore, piuttosto che nella Germania meridionale e in Austria, dove le differenze fra dialetto e standard sono minori) e le varietà semplificate (chiamate pidgin, sono lingue semplici nella struttura e nel lessico e sono parlate soprattutto da gente straniera, che ancora non parla bene lo standard ). Le varietà standard del tedesco invece sono: la varietà parlata in Germania (il tedesco standard), la varietà austriaca (il tedesco austriaco) e la varietà svizzera (lo svizzero tedesco). Il tedesco standard è usato da persone di rango socio-culturale elevato in situazioni formali, ed è quella descritta nelle grammatiche, nei dizionari e nei manuali e che le istituzioni scolastiche impongono. È un modello di riferimento per tutta la comunità.
Lo svizzero tedesco, chiamato anche Schwyzerdütsch, è la lingua parlata nella Svizzera germanofona, è spesso piuttosto diverso dal tedesco standard parlato in Germania, e a sua volta si scompone in una miriade di dialetti locali. Nella Svizzera germanofona, il tedesco standard è fondamentalmente una lingua solo scritta, che i ragazzi devono apprendere a scuola, ed è inoltre la lingua di giornali, riviste, dei libri e dei media.
Il tedesco austriaco è caratterizzato da alcune differenze grammaticali, lessicali e fonetiche rispetto al tedesco standard. La differenza fra il tedesco standard e il tedesco austriaco può essere ricercata nei diversi ceppi dialettali. Ad esempio il gruppo dialettale del Bavarese ha un ambito geografico molto ampio, che comprende quasi tutta l'Austria e buona parte della Baviera, oltre alla Provincia di Bolzano in Italia, per cui le varianti austriache usate anche nella lingua standard potranno ricordare quelle di paesi e regioni vicini all'Austria, soprattutto la Baviera.
Le varietà austriache riescono a mostrare particolarità linguistiche vere e proprie nel campo semantico degli alimentari, riscontrabile anche nei ricettari. A tale proposito ho inserito nel terzo capitolo un’analisi sinonimica della terminologia alimentare, mettendo a confronto i principali nomi degli alimenti del tedesco standard, del tedesco austriaco e dello svizzero tedesco. Inoltre, per evidenziare ulteriormente i sinonimi delle varietà standard tedesche, ho concluso il mio lavoro di tesi con due ricette culinarie, una austriaca ed una svizzera.

Mostra/Nascondi contenuto.
4    PREFAZIONE Prima di addentrarci nella discussione inerente alla sinonimia nelle varietà standard tedesche, esamineremo la storia della lingua tedesca, spiegando la sua suddivisione in periodi e in dialetti nel corso dei secoli. Successivamente ci occuperemo della storia della linguistica, passando per i principali fautori di quest’ultima. Proseguiremo discutendo della semantica, delle fondamentali correnti interessate ad essa e delle relazioni semantiche, da cui partiremo per disquisire della sinonimia, in quanto relazione di questo tipo, e delle situazioni linguistiche. Giungeremo così al fulcro del mio lavoro di ricerca, ossia all’analisi dei termini alimentari presenti nelle varietà standard tedesche (Tedesco standard, Tedesco austriaco e Svizzero tedesco). In questo modo confronteremo i sinonimi ed individueremo le differenze tra questi ultimi, inserendoli e classificandoli in diverse tabelle secondo svariati criteri. Ringrazio innanzitutto il professor Claudio Di Meola per le sue meritevoli idee e i suoi preziosi consigli, senza i quali non sarebbe stato lo stesso realizzare questo mio lavoro; ringrazio: il mio grande amore Raffaele per la sua pazienza, il suo sostegno ed il suo immenso amore che mi ha riempito la vita rendendola ricca di emozioni uniche; i miei genitori per avermi sostenuta in questi anni della mia carriera universitaria; mia sorella e mio cognato per avermi fatto capire che non sono e non sarò mai sola; la mia nipotina Aurora per i suoi gesti innocenti pieni d’affetto; la mia grande amica da sempre e per sempre Elita per avermi insegnato a non mollare mai e a difendere le mie idee sopra ogni cosa; la mia amica Rosanna per il suo affetto e per le sue consulenze “tedesche”; la mia compagna di percorso universitario nonché mia amica Raffaella per le nostre splendide conversazioni e per le innumerevoli avventure affrontate insieme; ai miei amici Claudia ed Emanuele per aver reso piacevole la mia vita universitaria; infine un ringraziamento a tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita fin’oggi donandomi ogni giorno qualcosa di apparentemente piccolo, ma che in realtà con il trascorrere del tempo si è rivelato grande, nel mio cuore. Teramo, 12 dicembre 2008 Simona Gattaceca

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simona Gattaceca Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2847 click dal 27/01/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.