Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le discriminazioni di sesso nel diritto comunitario

La tesi ha lo scopo di approfondire il quadro normativo comunitario in tema di discriminazioni sulla base del sesso. Partendo da un panoramica sulla situazione delle donne nel mondo politico e del lavoro, si è cercato, inoltre, di individuare possibili soluzioni al problema, considerando anche le esperienze dei paesi nordici, molto più all'avanguardia su questo tema.

Mostra/Nascondi contenuto.
1INTRODUZIONE Quando sentivo parlare di discriminazione sessuale nel mondo del lavoro pensavo che, visto i numerosi provvedimenti realizzati in materia, fosse un esagerazione. Pensavo che, nella realt , non potessero esistere cos tanti problemi per le donne che volevano lavorare, anche perchØ ero convinta che il posto di lavoro fosse assegnato sulla base delle competenze possedute da una persona. Per questo, sono rimasta molto delusa, quando ho appreso che, in effetti, non Ł cos . Ho iniziato ad aprire gli occhi durante la seconda edizione del corso Donne, Politica, Istituzioni , organizzato presso la Facolt di Giurisprudenza dell Universit degli Studi di Brescia, su iniziativa del Ministero per le Pari Opportunit e in collaborazione con la Scuola Superiore della Pubblica Istruzione. All inizio del corso mi sono chiesta se effettivamente servisse un attivit di questo tipo, se veramente servisse un corso per far capire alle donne come arrivare ai vertici politici e dirigenziali, visto che nulla di simile Ł previsto per gli uomini. Anche loro riescono ad affermarsi nel lavoro senza nessun corso e senza nessun trattamento di favore. PerchØ, allora, noi donne necessitiamo di provvedimenti legislativi o di attivit formative ad hoc? Non credo sia per le minori capacit , perchØ le donne, quando ne hanno avuto la possibilit , si sono dimostrate capaci quanto, se non addirittura piø, dei colleghi uomini. Nonostante questo, per , le donne faticano molto piø degli uomini a fare carriera e continuano, nonostante i numerosi provvedimenti legislativi in materia, a guadagnare, in media, meno di loro. Durante il corso mi sono accorta che questo problema non Ł di facile soluzione perchØ le sue cause sono di origine culturale. Sar difficile riuscire a eliminare completamente la visione della donna come angelo del focolare . Nella nostra cultura la donna continua a essere il punto di riferimento dell intera famiglia. Quindi, se vuole lavorare deve riuscire a conciliare il tempo del lavoro con il tempo da dedicare alla cura del proprio nucleo familiare. La cosa non risulta di facile attuazione vista la carenza di strutture di supporto. Infatti, si pu notare la scarsa presenza di asili nido per la cura dei figli e di strutture che si occupino degli anziani, che dato l allungamento della vita media, avranno sempre piø bisogno di attenzioni. Figli e genitori restano per lo piø a carico delle donne, le quali si trovano, spesso, a doversi far carico dei problemi familiari, con un aiuto limitato da parte degli uomini.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Claudia Bona Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1802 click dal 21/01/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.