Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Città online

Nella prima parte del presente lavoro verranno analizzate le caratteristiche principali dell’oggetto di analisi, partendo dall’individuazione dei modelli telematici che hanno ispirato la realizzazione delle reti civiche, procedendo poi con una classificazione delle tipologie oggi esistenti e delle definizioni in uso, fino ad arrivare alla descrizione delle componenti principali sulla base della situazione italiana.
Nella seconda parte verranno trattati i temi generali che influenzano il contesto di azione dei promotori delle iniziative di telematica civica. In particolare sarà affrontata le questione dell’accesso alle reti e della partecipazione, alla luce degli interventi dello stato e del mercato nella promozione dell’alfabetizzazione informatica, del ruolo svolto dalla Pubblica Amministrazione con un approfondimento sul funzionamento delle tecnologie crittografiche per la realizzazione di transazioni sicure sulla rete, ed infine delle problematiche relative al controllo politico e commerciale come effetto dell’uso delle reti.
L’ultima parte sarà dedicata alla rete civica di Roma, partendo da una ricostruzione delle principali vicende che hanno accompagnato lo sviluppo del rete nei suoi cinque anni di vita, per concludere con la descrizione di un modello di valutazione per le reti civiche e la sua applicazione ai siti web ai siti promossi dal Comune di Roma.

Mostra/Nascondi contenuto.
Città Online – La rete civica di Roma 5 Premessa La diffusione di una rete planetaria di flussi comunicativi, parallelamente al processo di convergenza e progressiva interdipendenza delle economie mondiali, introduce nuovi elementi nel rapporto di integrazione, confronto e scontro tra le diverse culture. Se da una parte Internet favorisce la propagazione di stili di vita comuni a livello planetario ed azzera le distanze spazio-temporali, dall’altro l’architettura della rete consente il riemergere del locale secondo modalità del tutto nuove rispetto al passato. Network telematici locali finalizzati alla rigenerazione di un legame comunitario erano già presenti negli Stati Uniti fin dagli anni ottanta, ma mentre le esperienze nordamericane nascevano dal basso, dall’iniziativa di privati cittadini appassionati di informatica, in Italia sono stati gli enti locali a promuovere queste iniziative, incontrando nelle nuove tecnologie un strumento efficace per condurre e potenziare il processo di apertura nel rapporto con il cittadino. Nella prima parte del presente lavoro verranno analizzate le caratteristiche principali dell’oggetto di analisi, partendo dall’individuazione dei modelli telematici che hanno ispirato la realizzazione delle reti civiche, procedendo poi con una classificazione delle tipologie oggi esistenti e delle definizioni in uso, fino ad arrivare alla descrizione delle componenti principali sulla base della situazione italiana. Nella seconda parte verranno trattati i temi generali che influenzano il contesto di azione dei promotori delle iniziative di telematica civica. In particolare sarà affrontata le questione dell’accesso alle reti e della partecipazione, alla luce degli interventi dello stato e del mercato nella promozione dell’alfabetizzazione informatica, del ruolo svolto dalla Pubblica Amministrazione con un approfondimento sul

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Alessio Attanasio Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1839 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.