Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Povertà e eucaristia nell'esperienza valdese 1176-1218

Analisi della concezione della povertà e dell'eucaristia viste come rappresentazione cifrata del rapporto tra l'uomo e l'Assoluto nell'esperienza valdese del XII secolo. Per la storia di una razionalità minoritaria e della marginalità nel medioevo.

Mostra/Nascondi contenuto.
IL DIBATTITO STORIOGRAFICO "Il problema più importante per la storia valdese è quello dell'identità e della continuità del movimento"(1).Questa riflessione del Selge può rappresentare il riscontro di un travaglio storiografico che si è sviluppato e articolato attraverso quasi ogni generazione di storici. L'impalpabilità di idee e di pratiche comportamentali che non si facciano istituzione nell'immediato, e che nel momento in cui si concretizzino in organizzazione assumono delle tipologie disomogenee, rappresenta ed ha rappresentato l'ostacolo maggiore per una storiografia convinta della propria oggettività,del proprio ruolo di dispensatrice del"giudizio della storia". In effetti appare molto più credibile l'immagine proposta dal Merlo"...dello storico come onesto artigiano che lavora nella sua bottega,dove raccoglie i materiali, li mette in ordine,ne ricava informazioni determinandone il valore ed i rapporti, espone il suo prodotto:per servire ad un bisogno di conoscenza intorno alle generazioni che ci hanno preceduto e per contribuire a creare una memoria critica..."(2). In una disciplina come quella storica,pur riconoscendo l'inequivocabile rilevanza delle scoperte documentarie, di cui, per quanto riguarda la storia valdese delle origini,il Gonnet(3) ha evidenziato alcune particolarità e problematiche successivamente sviluppate,appare evidente che un progresso qualitativo sia maggiormente collegato ad una rielaborazione del materiale esistente, insomma, all'interpretare da una prospettiva diversa cose già note, per contribuire, nei limiti del possibile, alla creazione di quella visuale a 360° che rappresenta l'ideale a cui dovrebbe tendere la ricerca storica."L'artigiano"della storia, pertanto, nel suo oscuro 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andrea Sossi Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 708 click dal 29/01/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.