Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Propoli di ape: potenziale farmaco anti-erpetico

Lo scopo della presente tesi è discusso attraverso i seguenti punti (Research Questions) :
- presentare un’ introduzione alla propoli di ape, agli impieghi terapeutici ed alle correnti limitazioni di studio correlate al complesso profilo chimico del prodotto naturale, sottolineando l’importanza di alcuni attuali argomenti di ricerca quali la definizione binomiale e la standardizzazione (Cap.1);
- riepilogare i meccanismi di azione diretta ed indiretta della propoli di ape come agente antivirale relativamente alla patologia erpetica causata dagli α-herpes virus (HSV-1 e 2) ed al coinvolgimento del sistema immunitario (Cap.2);
- trarre una conclusione sulla valenza della propoli di ape come prodotto fitofarmaceutico antierpetico, in uno studio comparativo con il medicinale di elezione Acyclovir. La biodisponibilità, le controindicazioni e la tossicità, la valenza terapeutica in parallelo e le possibili formulazioni del prodotto fitofarmaceutico sono inoltre discusse (Cap.3).
Sebbene la propoli di ape non costituisca un rimedio innovativo e miracoloso per tutte le patologie, essa è una attraente alternativa medicamentosa potenzialmente attuabile in associazione con Acyclovir (ACV) nella prevenzione e terapia dell’ herpes labialis, genitalis e provocante la cheratite (HSK), affinchè i derivanti benefici tesi alla promozione della salute possano essere goduti dai pazienti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Tesi Compilativa Propoli di Ape: Potenziale Farmaco Anti-erpetico Massaro Carmelina a.a. 2007/2008 2 CAPITOLO 1. La propoli di ape, prodotto naturale impiegato in terapia. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO NATURALE. La propoli d ape Ł un prodotto naturale (Fig. 1.1). Essa si presenta come una sostanza resinosa e collosa, la cui colorazione ha tonalit dal verde al giallo-bruno ed, in alcuni tipi di propoli, al rosso. Ha un odore piacevolmente aromatico ed un sapore amarognolo. La medicina popolare la definisce balsamo delle api o bee balsam, per l odore aromatico di vaniglia o cannella tipico dei composti fenolici in essa presenti, od anche colla delle api o bee glue, per la consistenza collosa e fortemente viscosa. FIG. 1.1 LA PROPOLI DI APE GREZZA. Apis mellifera spp. esibente la resina vegetale raccolta sulle proprie zampe posteriori (a sinistra); un campione di propoli grezza ed il relativo estratto in solvente (a destra). Immagini (http://www.alp.admin.ch/) La propoli Ł un prodotto naturale considerato quale derivato vegetale poichØ la sua composizione chimica Ł simile alla resina botanica originaria pur presentando altre sostanze, anche inerti, di produzione animale (EMEA, 2008). La peculiarit di tale composto Ł, infatti, quella di essere una miscela di origine sia vegetale che animale: le api arricchiscono le resine vegetali di partenza tramite l apporto sia di secrezioni salivari, prodotte dalle proprie ghiandole ipofaringeali, sia di secrezioni cerose (beewax), prodotte dalla porzione esocrina corporea (Bankova V., 2005). RUOLO ECOLOGICO ED ORIGINE BOTANICA DELLA PROPOLI DI APE Le api provvedono alla produzione della propoli, o bee propolis, a partire da materiale vegetale quale gli essudati resinosi, ricoprenti escoriazioni su tronchi e cortecce, e le secrezioni resinose che rivestono foglie e gemme di particolari specie vegetali (Capasso et al, 2002). Le resine vegetali sono selettivamente raccolte a partire da particolari specie botaniche che le api visitano perchØ attratte, probabilmente, dalle sostanze volatili quali alcuni oli essenziali contenenti monoterpeni come l α-pinene (Melliou et al., 2007). La letteratura propone una classificazione per i diversi tipi di propoli a seconda della specie di ape e della specie di flora visitata per l approvvigionamento. Gli imenotteri appartenenti al genere Apis mellifera (Crane E., 1999), comunemente conosciuti come api da miele, riutilizzano la resina vegetale in quanto materiale isolante raccogliendolo e lavorandolo meccanicamente, nonchØ arricchendolo con secrezioni salivari durante tale processo. L apposizione della propoli d ape all interno dell arnia o favo naturale limita

Laurea liv.I

Facoltà: Farmacia

Autore: Carmelina Flavia Massaro Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2010 click dal 05/02/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.