Skip to content

Etica e finanza a confronto. Una riflessione psicosociale sul consumo critico.

Informazioni tesi

  Autore: Pamela Pedone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia dell'Organizzazione e della Comunicazione
  Relatore: Michela Cortini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

La mia tesi affronta in modo dettagliato il rapporto tra finanza ed etica.
Nel primo capitolo si analizza il significato del consumo nell’età postmoderna:
nella logica guidata non dalla necessità o dal bisogno, ma dal desiderio e dal senso di appartenenza ad un gruppo, il consumo non può essere analizzato esclusivamente attraverso un’ottica economista e funzionale, ma anche secondo una prospettiva culturale. Dopo un excursus storico viene analizzata anche la personalità del consumatore per cui la massimizzazione del profitto e del risparmio lascia posto al desiderio e all’importanza del creare relazioni sociali. Dall'ottica del consumatore nel secondo capitolo si passa ad analizzare l'ottica in cui la dimensione etica e la responsabilità sociale d’impresa vengono considerate dunque condizioni essenziali per un efficiente impiego del capitale. Nel capitolo, infatti, viene analizzata in tutti i suoi punti la norma SA 8000. Nel terzo capitolo viene analizzato, definendone, attraverso l’analisi della Carta Italiana de CEES la storia, i criteri fondamentali, gli obiettivi ed i ruoli dei protagonisti, un’importante e diffusa forma di commercio alternativa, il commercio equo e solidale. È stata inoltre presa in considerazione una ricerca di Becchetti e Costantino (2006) in cui vengono identificate le abitudini e le caratteristiche dei consumatori del CEES allo scopo di evidenziare le motivazioni che spingono a scegliere prodotti socialmente responsabili rispetto a quelli tradizionali. Il quarto capitolo affronta un tema che sta acquistando sempre più interesse nel nostro paese, ovvero la formazione di associazioni, i Gruppi di Acquisto Solidale, ovvero gruppi che acquistano prodotti di uso comune avendo come punto di riferimento criteri come la giustizia e la solidarietà. Come allegati alla tesi è possibile trovare il modello dell'atto costitutivo e quello di statuto di un GAS.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Gli attuali dibattiti sul commercio sono dominati da conflitti ormai rituali tra i due campi: i “globofili e i globofobi. I globofili sostengono che la globalizzazione degli scambi tra lavorando per i poveri. Le loro ricette propongono di accelerare il corso degli attuali eventi. I globofobi rovesciano la prospettiva e sostengono che il commercio danneggia e poveri. La guerra di parole tra le due fazioni che accompagna ogni Summit internazionale è assolutamente controproducente. Entrambe le visioni del mondo sfuggono la complessità delle evidenze empiriche e nessuna di esse offre speranze per il futuro (Rigged rules and double standard: trade globalisation and the figh against poverty, 2002 OXFARM Report). Come in guerra e in amore, anche nel mercato tutto è lecito: con questa semplice (addirittura popolare) affermazione si potrebbe sintetizzare l’intero meccanismo del libero mercato, un mercato in cui l’obiettivo di massimizzare il profitto ed il meccanismo di formazione dei prezzi rappresentano capisaldi indistruttibili ed indiscutibili. Indiscutibili, però, non si sono dimostrati, in quanto questo non rappresenta l’unico mondo e, tanto meno, il migliore di quelli possibili: da alcuni anni infatti l’opinione pubblica è sempre maggiormente interessata a tematiche quali la globalizzazione e forme di commercio alternativo, come quello biologico ed equosolidale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi