Skip to content

Knowledge Economy in Software Engineering

Informazioni tesi

  Autore: Marta Cimitile
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Dottorato di Ricerca in Informatica
Anno: 2008
Docente/Relatore: Giuseppe Visaggio
Istituito da: Università degli Studi di Bari
Dipartimento: Dipartimento di Informatica
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 138

In recent years, because of the competitive pressure, companies are encouraged to make frequent and continuous innovation of production processes and products. Consequently, there has been deploying the commonly call, knowledge society. This is characterized by an economy where the role of knowledge has taken on a dimension and a very different importance and far greater than that which has been in industrial society. This role is such that the economists now talk of Knowledge Economy (KE) and introduce awareness among the primary factors of production.
In knowledge society, the exchange of research results and innovations, among researchers, between companies and between companies and researchers, assumes a critical role according to the paradigm of Open Innovation (OI).
The Open Innovation paradigm marks the end of the twentieth century and is used as a strategy by large companies to mitigate research projects and related investments risks. In fact, research projects have two major risks: the predictability of time and the investment required to achieve the objectives.
With the Open Innovation Public or private organizations that have search results that can not use and develop immediately in their strategy make them available to exchange with other organizations.
When this exchange takes place, the knowledge producer organization has a return that reduces the cost of knowledge production investments, the user organization has availability on new research results to a defined cost. This paradigm is actually used only by large enterprises. This thesis and the research project that inspired the thesis intended to encourage the use of this paradigm for small and medium-sized enterprises (SMEs).
The Software Engineering (SE) is certainly an excellent field to test the effectiveness of knowledge transferring technologies and to implement them in SMEs. In fact, SE, having, is based on several human-centric processes; consequently the human knowledge is a critical resource that needs to be stored, exchanged in the way to became enterprise patrimony. Moreover the goal to support the competitiveness of enterprises through the software needs continuous and frequent innovation. Finally, it is necessary knowledge exchange among researchers and between researchers and professionals who work in software companies to realize technology transfer. Moreover knowledge economic perspective is relevant and is, in this area, a critical aspect. So, SE research allows growth and competence refining in KE.
This work is in the above-mentioned contest and aims to the definition, conceptual validation, experimental validation and verification of the effectiveness of a set of technologies for knowledge and experience acquisition, transfer and reuse in order to support Open Innovation. The proposed approach is based on the use of a Knowledge Experience Base (KEB) for knowledge and experience elicitation and transfer, an Experience Factory process to continually improve KEBs contents and a CRM for the KEBs monitoring and evolution.
The KE contests is explored in Chapter 2, the proposed issues will be introduced in Chapter 3, through the identification and description of some of the approaches and practices that are intended to promote the challenges posed by the problems identified in the previous chapter. Chapter 4 describes the proposed approach and in particular the developed KEB. A preliminary validation and application of tools is presented in Chapter 5. The work concludes with a discussion upon the results obtained and the identification of future developments.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduction 6/138 1. INTRODUCTION In recent years, because of the competitive pressure, companies are encouraged to make frequent and continuous innovation of production processes and products. Consequently, there has been deploying the commonly call, knowledge society. This is characterized by an economy where the role of knowledge has taken on a dimension and a very different importance and far greater than that which has been in industrial society. This role is such that the economists now talk of Knowledge Economy (KE) and introduce awareness among the primary factors of production. In knowledge society, the exchange of research results and innovations, among researchers, between companies and between companies and researchers, assumes a critical role according to the paradigm of Open Innovation (OI). The Open Innovation paradigm marks the end of the twentieth century and is used as a strategy by large companies to mitigate research projects and related investments risks. In fact, research projects have two major risks: the predictability of time and the investment required to achieve the objectives. With the Open Innovation Public or private organizations that have search results that can not use and develop immediately in their strategy make them available to exchange with other organizations. When this exchange takes place, the knowledge producer organization has a return that reduces the cost of knowledge production investments, the user organization has availability on new research results to a defined cost. This paradigm is actually used only by large enterprises. This thesis and the research project that inspired the thesis intended to encourage the use of this paradigm for small and medium-sized enterprises (SMEs).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

experience base
knowledge base
knowledge economy
knowledge management
open innovation
software engineering

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi