Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stalking: breve compendio multidisciplinare

Studio del fenomeno dello Stalking con approccio criminologico e multifattoriale:
profilo personalità stalker (due teorie a confronto), profilo vittima, rapporto vittima-stalker; normativa giuridica internazionale ed italiana recente;criminogenesi e criminodinamica; dati epidemiologici; spiegazioni sociologiche dell'evento; fattori di rischio;modalità di difesa; prospettive d'intervento future.
Fonti: articoli di studi scientifici, review estratti da articoli pubblicati su giornali e riviste scientifiche internazionali e testi non più vecchi dell'anno 2001.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 “Since I can do no good because a woman, Reach constantly at something that is near it” The Maid’s Tragedy – Beaumont e Fletcher INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di esaminare in maniera approfondita il fenomeno della molestia assillante, altrimenti definito “Stalking”, partendo da una prospettiva multidisciplinare, la cui centralità sta nella valutazione della struttura della personalità degli autori della molestia assillante. Il punto di partenza è la teoria psicoanalitica classica, completata con apporti dai lavori di Otto Kernberg; per accostare poi la teoria dell’Attaccamento di Bowlby. Nella restante parte di lavoro, in base ai rispettivi ambiti disciplinari, verrà sottolineata la differenza fra il comportamento patologico ovvero socialmente pericoloso e quello fisiologico talvolta mal interpretato. Il materiale bibliografico utilizzato per la composizione è costituito sia da testi, sia da articoli scientifici pubblicati sulle maggiori riviste di psichiatria, psicologia, legge e criminologia riportanti i dati delle ricerche compiute sul fenomeno dagli esponenti dei maggiori Istituti Universitari internazionali dal 2001 ad oggi. Gli studi di carattere scientifico, per impostazione filologica, poggiano le loro basi per lo più sulla teoria bowlbiana, la quale però non appare sufficientemente articolata, come dimostrato dai risultati ottenuti, per spiegare psicopatologicamente il fenomeno. Per questa ragione chi scrive prova ad attingere dai fondamenti della psicoanalisi classica gli elementi di riferimento utili per completare ed integrare le due diverse prospettive, entrambe deterministiche.

Tesi di Master

Autore: Gessica Marengo Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7894 click dal 05/02/2009.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.