Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Histoire du soldat di Pier Paolo Pasolini - Analisi di un'opera mai realizzata

analisi dell'opera "L'Histoire du soldat" di Pier Paolo Pasolini. La televisione come male e il nuovo sistema che governa il mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1 - INTRODUZIONE Ciò che mi ha fatto apprezzare e amare Pasolini è la sua capacità di non essere mai banale. Lo potranno elogiare o criticare, per quello che ha detto, scritto e fatto, potrà piacere o meno, ma non sarà mai classificato sotto l’etichetta “banale”. Il mio incontro con Pasolini è nato per caso, per evitare un paio d’ore di scuola quando frequentavo il Liceo Scientifico. Andai ad assistere ad una proiezione di Accattone per evitare matematica. Con me c’era poca gente e molta annoiata. A me invece quella storia piaceva. Non ho mai apprezzato troppo i film che i miei coetanei d’allora stimavano e correvano in massa a vedere, quei film pieni di spari, adrenalina, muscoli, macchine e belle donne. Vedere quelle immagini in bianco e nero, passare lente e poetiche sullo schermo, mi dava una sensazione di piacevole malessere, come mai un Die Hard qualsiasi m’aveva trasmesso prima. Fu da quel giorno, per caso, che mi avvicinai al mondo di Pier Paolo Pasolini. Dopo di questo mio fortuito incontro ho letto suoi romanzi, visto sui film, preferendo scoprire le cose tramite la sua penna o la sua macchina da presa, piuttosto che da un intermediario che tentava di istruirmi della sua visione di Pasolini. Arrivato all’università ho continuato ad addentrarmi pian piano nel mondo dell’artista friulano, in punta di piedi, cercando di tramutare la mia innata ignoranza in piccola conoscenza. Non so se ci sono realmente riuscito, spero di si. La scelta di occuparmi proprio di Pasolini in questa tesi di laurea penso sia stata una tappa naturale del mio percorso di formazione umano, prima che accademico. Una giusta tappa intermedia e non certo quella finale. Come riuscire però a studiare l’artista nato a Bologna, senza ripetere quello che altri hanno già scritto, pensato e prodotto? A questa domanda mi ha aiutato a trovare risposta il professor Luciano De Giusti, che

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giovanni Battistuzzi Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1825 click dal 06/02/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.