Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Traduzione del racconto di Ljudmila Ulickaja: "Figlia di scrittori"

Era una casa come nessun'altra... questo è l'incipit del racconto di Liudmila Ulickaja "Figlia di scrittori", contenuto nella raccolta, pubblicata a Mosca nel 2005, e inedita in Italia, dal titolo "Ljudi nasego zarja".
Vengono narrate le vicende di una famiglia fuori dal comune, durante gli anni del regime sovietico, ne risulta un quadro ironico e dolente, caro alla migliore tradizione letteraria russa.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE 1.1 La stesura di una tesi di traduzione pone, inevitabilmente, davanti a delle problematiche da risolvere. La risoluzione è spesso frutto di scelte di carattere tecnico e metodologico, ma anche culturale. In questa introduzione, e nella nota conclusiva alla traduzione, cercherò di spiegare i percorsi e le motivazioni che mi hanno accompagnat durante l’adattamento italiano del racconto di Ljudmila Ulickaja ―Figlia di scrittori‖. Il racconto fa parte di una raccolta, non ancora tradotta in Italia, pubblicata a Mosca nel 2005 dal titolo ―Люди нашего царя ‖ . La stessa autrice dichiara di aver prodotto l’opera in un momento difficile della propria vita, prendendo come spunto immagini e ricordi del passato che per molto tempo erano rimasti negli scaffali della memoria e aggiunge come il ricordare e risistemare la propria storia l’avesse aiutata a ricomporre i tasselli mancanti, e come questo processo avesse reso il libro piacevole da scrivere. I racconti non sembrano essere strettamente collegati tra loro, ma ad una più attenta lettura ci si rende conto di come la voce narrante tessa le

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Gaia Pernarella Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 388 click dal 18/07/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.