Skip to content

I poteri della Commissione di garanzia alla luce delle modifiche introdotte dalla legge n. 83 del 2000

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Caronti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Stefania Brun
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

La ricerca si pone lo scopo di affrontare uno studio approfondito del ruolo e delle funzioni della Commissione di garanzia, organo costituito ai sensi dell’art. 12 della legge n. 146 del 1990. Tale norma attribuisce all’istituto il compito di valutare l’idoneità delle misure volte ad assicurare il contemperamento dell’esercizio del diritto di sciopero nel settore dei servizi pubblici essenziali con il godimento dei diritti della persona, indicati all’art. 1 della legge, tutelati dalla Costituzione. La Commissione risulta inoltre investita di una serie di poteri, definiti dall’art. 13, strumentali alla realizzazione degli scopi della legge n. 146/1990.
Nella parte iniziale del lavoro viene innanzitutto esaminata l’evoluzione delle fonti di disciplina in materia di sciopero nei servizi pubblici essenziali: a una rapida analisi delle fonti extralegislative – ovvero giurisprudenza costituzionale e autoregolamentazione sindacale – segue lo studio del percorso che ha portato all’emanazione della prima norma in materia di sciopero, ovvero la legge n. 146 del 1990.
I paragrafi successivi si riferiscono all’istituzione, a norma del citato testo normativo, della Commissione di garanzia dell’attuazione della legge. In questa fase vengono messi in luce i contrasti verificatisi nell’iter parlamentare di emanazione della legge riguardo alle funzioni e ai compiti che secondo vari orientamenti dottrinali sarebbero dovuti spettare all’istituto di nuova creazione.
La ricerca prosegue con una sezione dedicata alla riforma introdotta dalla legge n. 83 del 2000, che ha novellato l’originaria legge n. 146 del 1990 in quattro direzioni diverse: previsione di nuovi strumenti di prevenzione e conciliazione, modifica del sistema sanzionatorio, allargamento dell’ambito di applicazione della legge anche ai lavoratori autonomi e arricchimento di ruolo e poteri della Commissione di garanzia. All’ultimo punto in particolare è dedicata una maggiore attenzione all’interno della trattazione.
A questa prima parte introduttiva fanno seguito alcuni paragrafi dedicati alla natura giuridica dell’organo di garanzia, inquadrato dalla dottrina come autorità amministrativa indipendente, alla sua composizione ed infine alle sue modalità di funzionamento.
E’ stato quindi introdotto un capitolo riguardante i poteri della Commissione di garanzia come risultanti dalla versione originaria della legge n. 146 del 1990, al fine di rendere agevole un confronto tra la disciplina prima della riforma e quella successiva. Lo studio prende in considerazione i compiti della Commissione classificati in base a quanto disposto dagli originari artt. 12 comma 1 e 13 della legge n. 146 del 1990. Vengono perciò analizzati i seguenti tipi di poteri e compiti: a) poteri di controllo e di proposta; b) potere di indizione di referendum tra i lavoratori; c) poteri di mediazione; d) poteri di attivazione delle procedure sanzionatorie; e) poteri di intervento in caso di precettazione; f) obblighi di trasparenza e pubblicità.
Oggetto dell’ultima parte della ricerca è infine lo studio dei nuovi poteri della Commissione, risultanti dalle modifiche introdotte dalla legge n. 83 del 2000. Tale norma ha infatti comportato variazioni della disciplina non solo per quanto riguarda il profilo quantitativo, ma anche rispetto a quello qualitativo. L’intervento legislativo, investendo per intero la formulazione dell’art. 13 della legge n. 146 del 1990, ha di fatto ridisegnato il numero delle competenze dell’organo di garanzia ma anche la loro disciplina.
L’esame dei nuovi poteri viene attuato seguendo per quanto possibile lo schema utilizzato in precedenza nell’analisi dei poteri originari, al fine di facilitarne una comparazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 – CAPITOLO PRIMO – LA COMMISSIONE DI GARANZIA DALLA LEGGE 146/1990 ALLA LEGGE 83/2000 1. Premessa. Le fonti di disciplina dello sciopero nei servizi pubblici essenziali e il conte- sto di maturazione della legge n. 146 del 1990 – La qualificazione giuridica dello sciopero come diritto è frutto di un’evoluzione che ha visto tale forma di lotta sindacale essere dappri- ma qualificata come reato nel Regno d’Italia fino al 1889, poi tollerata purché esercitata senza violenza in seguito all’approvazione del codice penale Zanardelli. Nel 1926, durante l’ordinamento fascista, lo sciopero tornò ad essere considerato reato – contro l’economia na- zionale – e come tale represso penalmente ai sensi degli artt. 502-508 del codice penale 1 . Solo in seguito alla caduta del regime e all’avvento della Costituzione lo sciopero fu ricono- sciuto come forma di autotutela sindacale legittima; l’art. 40 della Costituzione infatti recita che “il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano” 2 . La legge 12 giugno 1990, n. 146 (“Norme sull’esercizio dello sciopero nei servizi pubblici es- senziali e sulla salvaguardia di diritti della persona costituzionalmente tutelati. Istituzione del- la Commissione di Garanzia dell’attuazione della legge”) vede la luce dopo un periodo di ol- tre 40 anni nel quale è mancata una nuova disciplina legislativa dello sciopero che abrogasse le antiquate e oramai incostituzionali disposizioni nate nel periodo corporativo; in questa fase un ruolo molto importante di supplenza è stato svolto dalla giurisprudenza costituzionale e dall’autoregolamentazione. 1 In particolare tali articoli punivano sciopero e serrata per fini contrattuali (art. 502) , per fini non contrattuali (art. 503), di coazione alla pubblica autorità (art. 504), di solidarietà o di protesta (art. 505), nonché boicottaggio (art. 507) e occupazione d’azienda (art. 508). 2 CARINCI, DE LUCA TAMAJO, TOSI, TREU, Diritto del lavoro, 1. Il diritto sindacale, UTET, 2002, p. 231.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autorità indipendenti
commissione
garanzia
legge 146/1990
legge 83/2000
ommissione di garanzia
poteri sanzionatori
precettazione
pubblici
sciopero
sciopero nei servizi pubblici essenziali
servizi
servizi pubblici
servizi pubblici essenziali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi