Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lavoro sportivo e principio comunitario di libera circolazione

L’intento di quest’opera è quello di esaminare la problematica della libera circolazione degli sportivi professionisti nel territorio comunitario attraverso un’analisi delle fonti di legge nazionali, delle fonti comunitarie, delle norme poste dall’ordinamento sportivo e delle decisioni giurisprudenziali intervenute per opera della Corte di giustizia dell’Unione europea e dei giudici italiani; libera circolazione che verrà in luce attraverso due aspetti, ossia la gestione del rapporto di lavoro e il trasferimento dello sportivo da una società all’altra.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’attività sportiva è, da tempo, entrata nella vita, negli usi, nei costumi e nella cultura di tutti i popoli della Terra; è un fenomeno di dimensione globale che ha la sua periodica celebrazione con le Olimpiadi moderne 1 , a cui partecipa un numero sempre più crescente di atleti in rappresentanza di quasi tutti gli Stati del mondo. La rilevanza che lo sport ha assunto a livello internazionale si evince tra l’altro dall’emanazione di numerosi atti e accordi, quali ad esempio la Carta Olimpica (del 1894) e la Carta internazionale dell’educazione fisica e dello sport approvata dall’UNESCO (nel 1978), che attribuiscono all’attività sportiva un ruolo essenziale nella tutela della salute e nell’educazione degli individui, diffondendo quei principi e quei valori che sono fondamentali per la formazione dell’identità personale, soprattutto dei giovani. 1 Sulle origini e le caratteristiche delle Olimpiadi moderne, vd. M. SANINO, Olimpiadi, in Dig. disc. pubbl., X, Torino, 1993, p. 291. 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Boschi Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1985 click dal 20/03/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.