Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Relazione tra sviluppo finanziario e investimenti in ricerca e sviluppo


Il sistema finanziario svolge un ruolo di primaria importanza nel finanziamento degli investimenti. L’obiettivo di questo lavoro è analizzare la relazione tra il livello di sviluppo finanziario e volume di investimenti in ricerca e sviluppo in Italia. L’ analisi si basa su un campione di circa quattromila aziende italiane. Il volume di investimenti in ricerca e sviluppo a livello d’impresa viene messo in relazione a misure di sviluppo finanziario definite sulla base della regione o della macroarea geografica di appartenenza di ciascuna impresa. Essendo il sistema finanziario italiano tipicamente “Bancocentrico”, gli indicatori di sviluppo finanziario riguardano unicamente l’intermediazione creditizia. I risultati ottenuti dimostrano che lo sviluppo finanziario è in grado di influenzare positivamente la quantità d’investimenti in ricerca e sviluppo effettuata dalle imprese. Inoltre, lo studio mette in evidenza l’esistenza di una relazione negativa tra investimenti in ricerca e sviluppo e sussidi all’innovazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Introduzione. Il finanziamento dei programmi di ricerca e sviluppo (R&S) presenta maggiori difficoltà valutative rispetto ad altri tipi di investimento. In primo luogo, per poter valutare correttamente un progetto di R&S, il finanziatore deve poter disporre delle competenze tecniche necessarie a comprendere la fattibilità e il potenziale di mercato del nuovo prodotto. Inoltre l’impresa potrebbe essere restia a comunicare le proprie idee innovative all’esterno perché questa informazione potrebbe essere sfruttata dai concorrenti: questo tipo di comportamenti, rende più difficile il compito del valutatore. Per di più, i finanziatori stessi potrebbero essere riluttanti nel concedere finanziamenti su progetti R&S perché gli stessi, in generale, non sono garantiti da attività reali (materiali). D’altra parte, è ormai assodato che lo sviluppo delle imprese, ed in ultima analisi, dell’intera economia di un Paese, dipende dalle tecnologie che esse sono in grado di adottare, e che, molto verosimilmente, l’adozione di tali tecnologie dipenderà dalle loro potenzialità finanziarie. Per questo motivo, ci pare che il sistema finanziario possa giocare un ruolo cruciale nel processo di sviluppo economico di un paese, nella misura in cui esso sia in grado di garantire alle imprese i mezzi finanziari necessari all’attività di R&S. In generale, il sistema finanziario influenza il funzionamento del settore reale dell’economia attraverso vari “canali”: a. la mobilizzazione delle risorse dai settori in surplus, le famiglie, a quelli in deficit, le imprese; b. la diversificazione del rischio; c. la produzione di informazione circa il valore atteso delle varie opportunità di investimento disponibili. Quanto più efficacemente un sistema finanziario assolve alle funzioni a, b, e c, tanto più esso sarà in grado di fornire alle imprese i mezzi necessari per intraprendere i vari programmi di investimento, ed in particolare quelli relativi all’attività di innovazione. Il finanziamento di tali attività può avvenire sia attraverso l’intermediazione bancaria sia attraverso il mercato dei capitali. Nella maggior parte dei paesi

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Michele Giagheddu Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1192 click dal 10/02/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.