Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Made in Italy e distretti industriali: il caso del distretto di Vicenza

Questa tesi intende affrontare le tematiche riguardanti i prodotti del made in Italy – in particolare i settori dell’abbigliamento moda, arredo casa, alimentari bevande e automazione meccanica - che tutt’oggi, grazie agli elevati livelli di qualità e al design unico, rappresentano un importante fattore di competitività per l’Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Questa tesi intende affrontare le tematiche riguardanti i prodotti del made in Italy – in particolare i settori dell’abbigliamento moda, arredo casa, alimentari bevande e automazione meccanica - che tutt’oggi, grazie agli elevati livelli di qualità e al design unico, rappresentano un importante fattore di competitività per il nostro Paese. Nel primo capitolo è stato analizzato il made in Italy nel suo complesso e il ruolo fondamentale che hanno le piccole e medie imprese e i distretti industriali per l’economia del nostro Paese. Dopo una prima definizione di distretto, si è approfondito l’argomento partendo dai cenni storici e dalla legislazione vigente, che solo negli ultimi anni si è concretizzata con provvedimenti volti ad incentivare la produzione dei nostri distretti tramite politiche di sostegno. Sono stati in seguito analizzati gli aspetti relativi alle esportazioni, che hanno portato i distretti italiani a detenere la leadership in molti settori del comparto manifatturiero anche all’estero. Infine, il capitolo si conclude con un’analisi sulle sfide e le prospettive dei nostri distretti e più in generale di tutta la produzione made in Italy. Per quanto riguarda il secondo capitolo, l’attenzione si è spostata su un comparto ben preciso della produzione italiana: il settore orafo, cercando di darne una panoramica non solo per quanto riguarda il mercato interno ma anche rispetto allo scenario internazionale. Questo settore è trainato principalmente da tre importanti distretti, quelli di Arezzo, Valenza Po e Vicenza, dove si trovano quasi il 70% delle aziende orafo-gioielliere e l’86% degli addetti di tale settore, e dei quali sono state illustrate brevemente le principali caratteristiche.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marianna Stefenelli Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6514 click dal 06/02/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.