Skip to content

L'Expected Shorfall come misura del rischio di mercato

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Esposito
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Statistica economica, finanziaria ed attuariale
  Relatore: Giovanni De Luca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 244

Scopo di questo lavoro è l’analisi dinamica del rischio di mercato che negli ultimi anni ha assunto una rilevanza crescente per tutti coloro che stabilmente operano nei mercati finanziari.
Con il termine rischio di mercato si intende la possibilità che variazioni inattese di una o più condizioni di mercato determinino una variazione positiva o negativa del valore di una posizione o di un portafoglio.
Gli istituti bancari e finanziari hanno sviluppato modelli statistico-matematici per la misurazione ed il controllo di tale rischio e la principale risposta è stata data con l’elaborazione dei modelli Value-at-Risk (VaR).
Il VaR è diventato una misura standard nell’ambito della misurazione del rischio di mercato, poiché esprime, attraverso un numero, la misura della rischiosità di una posizione finanziaria, fissando una soglia per le perdite che verrà superata con una probabilità prestabilita.
In certi casi, però, il calcolo del VaR può risultare particolarmente ostico e fallace. Infatti, si è notato che viola alcune proprietà che una misura coerente di rischio dovrebbe possedere per esser definita tale, in particolare la subadditività.
Grazie al lavoro di alcuni autori come Acerbi, McNeil e Peracchi si è evidenziato come tali limiti teorici possono essere superati da un’altra misura di rischio, l’Expected Shortfall (ES).
L’ES nasce proprio come una naturale modifica del VaR e ne eredita, perciò, tutte le proprietà. Esso sintetizza in un unico valore la perdita media che un portafoglio o una posizione può subire, in un arco temporale definito, con una certa probabilità.
La tesi risulta così strutturata:
nel primo capitolo, dopo aver definito il rischio sotto il profilo economico-filosofico, si procederà verso una sua concezione scientifica enumerando le proprietà che una misura di rischio dovrebbe soddisfare per esser definita coerente;
nel secondo capitolo, si analizzeranno le diverse conformazioni del rischio finanziario per poi passare alla definizione e contestuale stima degli strumenti analitici che ne danno un aspetto quantitativo, le Greche, il Value-at-Risk e l’Expected Shortfall;
nel capitolo terzo si procederà ad una disamina delle serie storiche, in particolare al supporto teorico dell’analisi moderna che viene utilizzata, come primo passo, nell’analisi dei dati mediante la procedura Box e Jenkins. Tale metodologia è impiegata soprattutto in quei campi di analisi in cui si devono effettuare delle previsioni a breve termine;
nel capitolo quarto si passeranno in rassegna i modelli ARCH e GARCH in quanto un buon modello per l’analisi delle serie finanziarie deve essere in grado di poter fornire delle previsioni accurate sulla volatilità;
nel capitolo quinto, infine, si descriverà un’applicazione dei vari modelli matematico-statistici per il calcolo del VaR e dell’ES sui rendimenti relativi a tre titoli azionari (Acea, Fiat, Zucchi). I risultati, ottenuti attraverso l’utilizzo del software statistico Gretl, risulteranno essere in linea con le consuete considerazioni per i rendimenti finanziari. Dall’applicazione emergeranno i pregi di entrambi gli approcci, concludendo che l’ES è un buon metodo di stima del rischio di mercato ed in più è una misura coerente di rischio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Scopo di questo lavoro è l’analisi dinamica del rischio di mercato che negli ultimi anni ha assunto una rilevanza crescente per tutti coloro che stabilmente operano nei mercati finanziari. Con il termine rischio di mercato si intende la possibilità che variazioni inattese di una o più condizioni di mercato determinino una variazione positiva o negativa del valore di una posizione o di un portafoglio. Gli istituti bancari e finanziari hanno sviluppato modelli statistico-matematici per la misurazione ed il controllo di tale rischio e la principale risposta è stata data con l’elaborazione dei modelli Value-at-Risk (VaR). Il VaR è diventato una misura standard nell’ambito della misurazione del rischio di mercato, poiché esprime, attraverso un numero, la misura della rischiosità di una posizione finanziaria, fissando una soglia per le perdite che verrà superata con una probabilità prestabilita. In certi casi, però, il calcolo del VaR può risultare particolarmente ostico e fallace. Infatti, si è notato che viola alcune proprietà che una misura coerente di rischio dovrebbe possedere per esser definita tale, in particolare la subadditività. Grazie al lavoro di alcuni autori come Acerbi, McNeil e Peracchi si è evidenziato come tali limiti teorici possono essere superati da un’altra misura di rischio, l’Expected Shortfall (ES). L’ES nasce proprio come una naturale modifica del VaR e ne eredita, perciò, tutte le proprietà. Esso sintetizza in un unico valore la perdita media che un 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adeh
arch
arma
autocorrelazione
box e jenkins
ergodicità
expected
garch
greche
shortfall
stazionarietà
unconditional coverage
var

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi