Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La scoperta dell’America nella poesia italiana dal XV al XVII secolo

Il presente studio è il risultato di una ricerca avente come obiettivo l’individuazione, e la successiva analisi, delle opere poetiche prodotte in Italia tra il XV e il XVII secolo riguardanti la scoperta dell’America, al fine di verificare la diffusione e il successo che l’argomento ha avuto nell’ambito della cultura italiana dell’epoca. Inoltre, è sembrato interessante mostrare in che modo l’impresa di Colombo e l’immagine dell’America sono state modificate e rielaborate dalla creatività dei poeti e attraverso quali passaggi un importante evento storico è stato trasferito nella dimensione letteraria.
A questo proposito, è stata riservata una particolare attenzione alla produzione epica sulla scoperta che, per la maggiore estensione e uno sviluppo più articolato delle sue opere, è risultata essere molto ricca e significativa. Ad ogni modo, non sono stati trascurati né la produzione lirica né i riferimenti all’impresa di Colombo presenti nei poemi del periodo preso in esame, i quali hanno fornito molteplici spunti di riflessione sulla fortuna dell’argomento in ambito poetico e sulle scelte operate dai letterati nel rappresentare l’evento.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa Il presente studio è il risultato di una ricerca avente come obiettivo l’individuazione, e la successiva analisi, delle opere poetiche prodotte in Italia tra il XV e il XVII secolo riguardanti la scoperta dell’America, al fine di verificare la diffusione e il successo che l’argomento ha avuto nell’ambito della cultura italiana dell’epoca. Inoltre, è sembrato interessante mostrare in che modo l’impresa di Colombo e l’immagine dell’America sono state modificate e rielaborate dalla creatività dei poeti e attraverso quali passaggi un importante evento storico è stato trasferito nella dimensione letteraria. A questo proposito, è stata riservata una particolare attenzione alla produzione epica sulla scoperta che, per la maggiore estensione e uno sviluppo più articolato delle sue opere, è risultata essere molto ricca e significativa. Ad ogni modo, non sono stati trascurati né la produzione lirica né i riferimenti all’impresa di Colombo presenti nei poemi del periodo preso in esame, i quali hanno fornito molteplici spunti di riflessione sulla fortuna dell’argomento in ambito poetico e sulle scelte operate dai letterati nel rappresentare l’evento. Il progetto per questa ricerca si è sviluppato in seguito alla consultazione, nella Biblioteca Nazionale Centrale Vittorio Emanuele II di Roma, di un poema epico italiano del ‘600 sull’impresa di Cristoforo Colombo, il Mondo Nuovo di Tommaso Stigliani. L’accesso a tale opera era stato possibile grazie ad una visita alla Sezione Manoscritti e Rari della suddetta biblioteca, organizzata dalla dott.ssa Paola Ledda e parte integrante del corso di Letteratura Ispano-americana dell’Anno Accademico 1993- 94. Dalla visione del testo, che offriva numerosi spunti interessanti, in rapporto anche

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Eva Tostini Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2752 click dal 12/02/2009.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.