Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lotta biologica alle infestanti graminacee con l'impiego di bioerbicidi

La ricerca ha riguardato principalmente l’accertamento della fitossicità dei metaboliti prodotti da alcuni funghi patogeni di infestanti graminacee, l’individuazione delle loro caratteristiche chimiche e la preliminare verifica della loro efficacia erbicida, impiegati da soli o in combinazione con i funghi produttori. Particolare attenzione è stata anche rivolta alla messa a punto di procedure di accrescimento degli isolati fungini e dei saggi biologici dei metaboliti.

Il tutto per offrire indicazioni utili:

•per la lotta biologica alle infestanti graminacee con l’utilizzo di bioerbicidi;
•alla sintesi di nuove molecole graminicide che emulino la struttura chimica e il meccanismo d’azione di quelle naturali;
•all’ampliamento dei mezzi attualmente disposizione per la lotta alle infestanti, con particolare attenzione alle graminacee spontanee tipiche dell’ambiente mediterraneo.

Lo studio realizzato rappresenta il tentativo di convogliare nell’ambito della ricerca agronomica applicata, conoscenze acquisite nel campo della patologia vegetale, della chimica e della tecnologia del diserbo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 - Le graminacee infestanti _______________________________________________________________________________________________________ 5 CAPI I TOLO 1 LE GRAMINACEE INFESTANTI 1.1 Generalità a famiglia delle gramineae o poaceae, divisa in 12 sottofamiglie (Tonzing, 1982), comprende circa 500 generi con oltre 5000 specie erbacee, perenni e annuali che si spingono a tutte le latitudini, con notevole escursione altimetrica. Sono piante perfettamente adattate a climi aridi, anche se non mancano specie mesofile e altre persino acquatiche. In alcune aree tendono a dominare, arrivando anche a costituire fitte formazioni vegetali molto estese alle quali conferiscono una particolare fisionomia (praterie, steppe, savane). Si tratta, pertanto, di una famiglia di notevole importanza sia per la loro funzione ecologica che per quella assunta nel quadro delle attività antropiche. 1.2 Importanza economica lla famiglia delle gramineae appartengono, oltre a numerose specie caratteristiche di ambienti naturali, molte altre importanti dal punto di vista agrario. In particolare, vanno ricordati i generi Triticum, Oryza, Zea, Secale, Hordeum, Avena, Saccharum e Sorghum, i quali rivestono importanza in tutto il mondo per l’alimentazione umana. A molti generi, inoltre, quali Poa, Dactylis, Festuca, Alopecurus, Agrostis, Koeleria, Cynosurus, Brachypodium, Bromus e Phalaris, appartengono numerose specie utilizzate come piante foraggere. Infine, vanno ricordati generi quali Agrostis, Poa, Festuca, Zoisia, Cynodon, Stenotaphrum, Pennisetum e Lolium ai quali appartengono specie largamente utilizzate per impiantare tappeti erbosi e fasce decorative (Tonzing, l.c.). L A

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali

Autore: Mariano Fracchiolla Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1974 click dal 02/10/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.