Skip to content

Tutti i giorni a teatro, “Il palcoscenico della vita”

Informazioni tesi

  Autore: Giada Crispiels
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Scenografia
  Relatore: Armida Gandini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 31

TUTTI I GIORNI A TEATRO
“Il palcoscenico della vita”


INTRO
Scrivere di un progetto... cosa estremamente difficile perché fino a quando devi raccontare qualcosa di assodato e soprattutto quando si tratta di una raccolta di informazioni, non ci si mette in gioco, non ci si mette sul patibolo. Ma dal momento in cui scegli di esprimere il tuo pensiero, devi esser pronto anche a difendere la tua idea e prendere in considerazione l’eventualità che essa venga confutata, scoprendo così di aver lavorato tanto verso una direzione sbagliata forse. Per questo alle volte si retrocede e si finisce per imboccare una strada più certa e meno effimera.
Ho preso l’occasione invece, in questa tesi, di propormi nella mia ancora acerba esperienza, scoprendo un nuovo amore per la scrittura attraverso l’espressione ancora una volta d’ idee, sensazioni ed intuizioni.
Il mio argomento è la quotidianità e il teatro. Ho proposto un tema già dibattuto da studiosi, critici e in discussioni fantasiose sul significato della vita…non per questo però a mio parere esaurito.
Per parte mia desidero affrontare dall’interno, attraverso l’esperienza personale ed i tentativi pratici la mia tesi.

Nel mio percorso artistico fino ad oggi ho cercato dapprima di identificare il “mio” modo di “fare arte” attraverso la ricerca di un media, una tecnica: il teatro.
Ma mi sono avvicinata alla consapevolezza che l’unico modo di farlo era lasciare spazio alla mia immaginazione e “creare” solo in base alla mia esigenza del momento, al mezzo più consono rispetto a quel qualcosa che volevo esprimere.
Esprimere se stessi significa dare un volto, una possibilità di espressione di una parte di se, ad uno dei tanti volti che possediamo.

Il teatro, o meglio, il lavoro dell’attore, è un mezzo per esprimere quest’idea, anche se non l’unico, esso infatti è a mio parere presente come significato intrinseco nella vita di tutti i giorni, è una naturale prosecuzione, una possibilità di essere autenticamente diversi da se stessi ed allo stesso momento pienamente in sé.
La mia passione per il teatro è nata proprio per questa esigenza, questo bisogno di mettermi sempre alla prova, di immaginarmi in un’altra vita, vivere tutte le varianti possibili che con solo un’esistenza non si riescono a provare, ma con il teatro queste vite e i loro eventi e momenti pregnanti vengono vissuti.

Anche nell’arte la scelta è forse una cosa che blocca, un margine che ci prefiggiamo per incanalare tutte le nostre energie.
Anche se necessario infatti, esso può risultare alle volte limitante, specie a lungo andare, poiché semplifica esasperatamente ciò che vogliamo di noi esprimere per rendere una più facile lettura di noi al prossimo, costruendo una gabbia che ci veste stretta. Da qui l’ulteriore bisogno di rifuggirle, cercando di essere altro, per dare spazio a noi stessi interi.
La mia performance “Belli capelli” riguarda semplicemente questa espressione, la voce ad uno dei silenzi, ad uno spazio intimo per renderlo visibile, tangibile.

Ogni scelta che l’individuo prende per la sua vita è indice di ciò che vuol proiettare di se sul mondo, così come nell’arte viene proiettata parte di noi, di come vediamo il mondo o l’interno delle cose.

I mille volti che nel quotidiano che indossiamo non sono una novità, sono le sfaccettature che assumiamo a seconda di luogo, persona e situazione alle quali ci rapportiamo. Come in “Uno, Nessuno, Centomila” di Pirandello, la maschera che ognuno di noi indossa diviene una componente del nostro io, quindi parte indivisibile di noi.
Per questo ci divertiamo alle volte a mascherarci, a giocare con la nostra identità e occasionalmente a ribaltare in modo estremo ciò che siamo.

Ognuno vede in noi una parte estranea proprio perché non riusciremo mai a vederci con i suoi occhi . Ma chi è il vero noi? Ciò che noi crediamo di essere? O forse è più vero quello che gli altri conoscono? Sono tutte domande che Pirandello ha posto nel suo capolavoro letterario.

L’attore lavora per dividere questi volti ed assumerli nel personaggio che interpreta, individualmente, costruendo su di esso tutte le sfaccettature di un essere umano. Anche ciò che non fa parte di lui diviene la possibilità di vivere una delle possibili parti di se, magari rinnegata, oppure semplicemente non assecondata. E’ come accettare di essere tutte le persone che sei o potresti essere, e dare una possibilità a tutte queste possibili vite, vivere tante vite in una.
Così, ogni giorno, le azioni che svolgiamo ci rendono diversi interpreti di noi stessi. Grazie alla società e al ruolo che abbiamo in essa, oppure nella nostra famiglia, o ancora con il compagno o la compagna per la vita che si ha scelto.........

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 TUTTI I GIORNI A TEATRO “Il palcoscenico della vita” INTRO Scrivere di un progetto... cosa estremamente difficile perché fino a quando devi raccontare qualcosa di assodato e soprattutto quando si tratta di una raccolta di informazioni, non ci si mette in gioco, non ci si mette sul patibolo. Ma dal momento in cui scegli di esprimere il tuo pensiero, devi esser pronto anche a difendere la tua idea e prendere in considerazione l’eventualità che essa venga confutata, scoprendo così di aver lavorato tanto verso una direzione sbagliata forse. Per questo alle volte si retrocede e si finisce per imboccare una strada più certa e meno effimera. Ho preso l’occasione invece, in questa tesi, di propormi nella mia ancora acerba esperienza, scoprendo un nuovo amore per la scrittura attraverso l’espressione ancora una volta d’ idee, sensazioni ed intuizioni. Il mio argomento è la quotidianità e il teatro. Ho proposto un tema già dibattuto da studiosi, critici e in discussioni fantasiose sul significato della vita…non per questo però a mio parere esaurito. Per parte mia desidero affrontare dall’interno, attraverso l’esperienza personale ed i tentativi pratici la mia tesi. Nel mio percorso artistico fino ad oggi ho cercato dapprima di identificare il “mio” modo di “fare arte” attraverso la ricerca di un media, una tecnica: il teatro. Ma mi sono avvicinata alla consapevolezza che l’unico modo di farlo era lasciare spazio alla mia immaginazione e “creare” solo in base alla mia esigenza del momento, al mezzo più consono rispetto a quel qualcosa che volevo esprimere. Esprimere se stessi significa dare un volto, una possibilità di espressione di una parte di se, ad uno dei tanti volti che possediamo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

belli capelli
espressione del se
fare arte
i mille volti di ognuno
individuo
interpretazione
maschera
palcoscenico
personaggio
quotidianità
teatro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi