Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno ecstasy: una subcultura del popolo della notte

Si analizza il consumo dell'ecstasy legato al popolo della notte e dei locali notturni.
Il consumo viene analizzato come fenomeno della società complessa. Si illustrano inizialmente alcune caratterische che famiglia, gruppo dei pari, valori, tempo libero, scuola e lavoro assumono nella complessità sociale.
In seguito si analizza il fenomeno ecstasy come devianza, come subcultura e come problema/disagio sociale, evidenziando, infine, il ruolo dei servizi socio-sanitari e dell'assistente sociale nell'affrontarlo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il fenomeno ecstasy: una subcultura del popolo della notte. Serena Granata Tesi di diploma in Servizio sociale A.A.1999/2000 4 Introduzione La passione per la musica house mi ha portato a far parte del popolo della notte per alcuni anni dell’adolescenza seppur con una frequentazione sporadica dei locali da ballo. L’appartenenza a questa cultura giovanile mi ha dato modo di essere a contatto con la realtà di chi vive il ballo e l’ambiente della discoteca in modo artificiale, utilizzando sostanze stupefacenti come l’ecstasy. Questa è la ragione principale per cui ho deciso di analizzare e descrivere il fenomeno ecstasy. Inoltre tale decisione è scaturita da un interesse personale nei confronti delle vecchie e nuove forme di tossicodipendenza, strettamente legato al mio impegno nel mondo del volontariato che dura da circa cinque anni, a sostegno delle persone che vivono il dramma della droga. Questa attività non solo mi ha spinta ad intraprendere un corso di studi orientato al lavoro sociale, ma mi ha anche resa consapevole che lo scenario delle droghe sta cambiando; da qualche anno infatti ai tossicodipendenti “storici” si affiancano “nuovi” consumatori caratterizzati da un’età più giovane dei primi, da una maggiore attitudine al rischio, dall’assunzione di sostanze stimolanti più che calmanti, dall’uso ricreativo e circoscritto nel tempo delle stesse, dal non considerarsi tossicodipendenti, ecc. Tutte caratteristiche che verranno ampiamente trattate. Durante questi tre anni di studi universitari ho potuto conoscere e studiare la sociologia, scienza che ha sviluppato in me un interesse

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Serena Granata Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1899 click dal 18/02/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.