Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto della concentrazione dell'elettrolita sui responsi voltammetrici di microelettrodi di platino mesoporosi

In questo lavoro di tesi sono stati preparati e caratterizzati microelettrodi di platino mesoporoso (microelettrodi di platino nanostrutturato), per studiare l’effetto della concentrazione e della natura dell’ elettrolita di supporto sui responsi che si ottengono in misure voltammetriche di stato stazionario.

I processi elettrodici studiati hanno riguardato da un lato la specie Ru(NH3)6Cl3, che dà luogo ad un processo monoelettronico reversibile;
dall’altro H2O2 che dà luogo a processi elettrodici di ossidoriduzione fortemente catalizzati da superfici metalliche a base di platino.

Sono stati presi in considerazione gli elettroliti di supporto Na2SO4, KCl e NaF in un ampio intervallo di concentrazioni compreso tra 0 – 0.5 M.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE In anni recenti si è sviluppato un settore di ricerca riguardante dispositivi microelettrochimici e nanostrutturati, che presentano caratteristiche peculiari, specialmente nel settore dell’ elettrocatalisi [1]. Materiali nanostrutturati possono essere preparati impiegando diverse metodologie, e tra le altre, quella basata sull’uso di liquidi cristallini [2], come templanti per ottenere film metallici porosi con dimensioni dei pori variabili tra 2 e 50 nm [3-7]. I liquidi cristallini possono essere preparati facendo uso di tensioattivi, che in un mezzo continuo, ad esempio in acqua, in particolari condizioni sperimentali, danno luogo a sistemi a struttura organizzata [8,9]. In base alla natura delle sostanze impiegate per la loro formazione, i sistemi a struttura organizzata possono essere classificati in micelle, microemulsioni, micelle inverse e vescicole [8]. In termini strutturali, le micelle sono il tipo di associazione colloidale più semplice. Le molecole presenti in una micella, non sono statiche, ma soggette a rapidi equilibri dinamici di interscambio con molecole libere in soluzione (vedi Fig. 1). E’ stato stimato che il tempo di residenza di una molecola nella micella è compreso tra 10 -5 e 10 -3 secondi [2]. Fig. 1: Equilibrio dinamico tra le molecole di tensioattivo aggregate e quelle libere in soluzione.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Enrico Muffato Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 453 click dal 24/02/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.